Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Monteflavio, musica d'autore fino al 7 luglio con il festival Strange Days

Monteflavio, musica d'autore fino al 7 luglio con il festival Strange Days
1 Minuto di Lettura
Giovedì 4 Luglio 2019, 02:31

Quattro giorni di musica d'autore a Monteflavio (Roma) con il festival Strange Days nato inizialmente per promuovere il territorio facendo una festa durante l’estate, un evento che i volontari della Pro Loco hanno via fatto crescere coinvolgendo artisti di livello nazionale.

Alla Pro Loco Monteflavio danno il loro tempo libero e la loro passione 68 persone dai 18 ai 65 anni organizzando anche sagre e feste patronali, sempre senza scopo di lucro. Quella di quest'anno è l'ottava edizione: la location è molto suggestiva (vedi www.strangedaysfestival.com). Una distesa enorme immersa nel verde, in un parco naturale (Monti Lucretili) con area free camping, area ristoro, area giochi e un grande palcohe ospiterà gli artisti. Allestiti anche un'area Street art e un'esposizione fotografica all’interno di una chiesa sconsacrata. Ecco il festival Strange Days che non è solo musica: ecco allora  il ritorno di Violetta Carpino che dipingerà un muro di 50 metri quadrati.

Le novità: grazie alla collaborazione con Honiro Lable ecco Mostro Grein, Comagatte, Morrone e Ciao Sono Vale, Rancore (quest'anno al Festiva di Sanremo). I concerti iniziano alle 20 fino a mezzanotte poi da mezzanotte alle 2.30 c’è il dj set. I biglietti: 10 euro per tutte le serate, 7 euro per una serata.

Il cartello: 4 luglio Flog; 5 luglio Morrone, Mox, Scarda, Geller; 6 luglio: Comagatte, Rancore; 7 luglio: Mostro, Ciao Sono Vale, Grein serata Honiro lable.

© RIPRODUZIONE RISERVATA