ROMA

Concerti a Roma dal 6 al 12 gennaio: da Neil Zaza ai tributi a David Bowie, Encuetro Latino e tante rockband

Domenica 5 Gennaio 2020 di Fabrizio Zampa
Neil Zaza
LUNEDI’ 6 GENNAIO
 
 
Jazz/La voce di Barbara Parisi in concerto all’Alexanderplatz
 
S’intitola “Tra una Ballad e un Sol minore” il progetto della vocalist Barbara Parisi, che in quartetto con Danilo Ricciardi al pianoforte, Steve Cantarano al contrabbasso e Amedeo Ariano alla batteria offre con la sua voce intensa una scelta di ballads che ama raccontare con molta professionalità, molta emozione e la giusta dose di ironia.
Alexanderplatz, via Ostia 9, ore 21
 
 
Rock/Travellin’ Riverside Band, una notte per Elvis Presley
 
L’8 gennaio 1935 nasceva Elvis Presley, che fra due giorni avrebbe compiuto 84 anni, e a rendere omaggio alla prima vera icona globale della musica moderna pensa la Travellin’ Riverside Band con “That’s The Way It Is”, lo show col quale Elvis entusiasmò le grandi platee americane nel lontano 1970 e che ora ha come sottotitolo “Return to Elvis”. Il vocalist e armonicista Frank Semproni, il tastierista e organista Lucky Gargiulo, il bassista Mick Brill e il batterista Piero Pierantozzi riproporranno il country blues e il rock di quegli anni con brani famosi, da “Runaway” a “Burning Love”, “Kentucky Rain”, “CC Rider” e così via.
Big Mama, vicolo S. Francesco a Ripa 18, ore 22
 
 
Cantautori/Edoardo Pesce live a Na Cosetta con Stefano Scarfone
 
Apertura straordinaria del club romano per ospitare un live per voce e chitarra di Edoardo Pesce, che da sempre ha unito alla sua attività di attore (vi ricordiamo che ha vinto un David di Donatello per il suo ruolo in “Dogman”) quella di cantautore, scrivendo e suonando con la sua band appassionata di «blues e soul in romanesco», il gruppo The S.Peter’s Stones. “I was born in T.B.M” è stato l’album di esordio della formazione, viaggio, ironico e surreale nel mondo e nel quartiere dove Edoardo Pesce è nato e cresciuto, cioè Tor Bella Monaca. La sua performance, stasera in duo con il chitarrista Stefano Scarfone, comprende monologhi, battute, canzoni inedite e brani della tradizione romana riarrangiati: Pesce si racconta attraverso la musica affrontando con ironia temi anche seri, dallo sfruttamento del lavoro nero alla vita di periferia e ovviamente all’amore.
Na Cosetta, via Ettore Giovenale 54, ore 22
 
 
MARTEDI’ 7 GENNAIO
 
 
Musica/Encuentro Latino: Mangalavite e Albelo all’Alexanderplatz
 
Il pianista e vocalist Natalio Mangalavite, argentino di Corboba, e il violinista e armonicista Juan Carlos Albelo, cubano di Cienfuegos, hanno battezzato “Encuentro Latino” la loro partnership in cartellone stasera al jazz club romano. I due musicisti, anagraficamente latini, amici di vecchia data e compagni di tante avventure sonore sempre ricche di passione e sensibilità, offrono insieme al percussionista Fabrizio Aiello un mix di ritmi e melodie che accompagna gli ascoltatori in un viaggio virtuale all’indirizzo di terre lontane, dove il tango si mischia con la salsa e il bolero con la zambra, e il collante di tutto questo è il jazz, da sempre passione dei due musicisti. In scaletta brani originali e cover.
Alexanderplatz, via Ostia 9, ore 22
 
 
Jazz/Davide Palma piano duo live all’Elegance Cafè
 
Vocalist, pianista e arrangiatore, Davide Palma propone un repertorio di brani della tradizione jazz americana di autori come Cole Porter, Duke Ellington, George e Ira Gerswin. Li suona, con il contrabbassista Marco Loddo, in modo classico ma anche originale, tra le sonorità della sua voce da crooner coinvolgente e le note del basso. Con questa elasticità di suono, il repertorio varierà tra ritmi incalzanti della Swing Era e brani con più interplay, e non mancherà un omaggio a Frank Sinatra.
Elegance Cafè, via Francesco Carletti 5, ore 22
 
 
Blues/Andy Corner, Andrea Angelini al Charity Cafè
 
Il vocalist, chitarrista e armonicista Andrea Angelini, in arte Andy’s Corner, replica tutti i martedì il suo progetto solista acustico: una sintesi di varii generi e influenze, un viaggio nella migliore musica anglo-americana degli anni ’60 e ’70, dal blues al rock, al folk al soul.
Charity Cafè, via Panisperna 68, ore 22
 
 
MERCOLEDÌ 8 GENNAIO
 
 
Jazz/Bonaccorso & Travel Notes live all’Alexanderplatz
 
Il Travel Notes Quartet del contrabbassista Rosario Bonaccorso compie dieci anni e li festeggia con una serie di concerti come quello di oggi al club romano, dove è affiancato dal trombettista Fabrizio Bosso, dal pianista Andrea Pozza e dal batterista Nicola Angelucci. Il contrabbassista ha assimilato da un bel pezzo la tradizione dei più grandi contrabbassisti/leader della storia della musica afroamericana, e la maturità musicale lo ha spinto a creare il proprio stile e un approccio personale al jazz, non solo improntato alla rivisitazione dei classici ma anche alla loro reinterpretazione. A ciò si è aggiunto il suo lavoro come compositore dalla forte vena melodica e band leader, autore di progetti intriganti a cui partecipano spesso musicisti del nuovo jazz italiano.
Alexanderplatz, via Ostia 9, ore 22
 
 
Pop/Denise Faro in concerto all’Arciliuto
 
L’attrice e cantante Denise Faro, romana, 31 anni, è diventata famosa come vocalist pop quando ha deciso di lasciare l’Italia (dove aveva interpretato “Giulietta e Romeo” di Riccardo Cocciante) per fare le sue esperienze in America. Lì si è fatta strada: è stata la prima e unica italiana ad aver partecipato all’X Factor messicano “La Academia”, una gara canora che ha visto nascere alcuni dei migliori artisti latini, è andata in Cile, dove ha vinto nel 2012 il Festival di Viña del Mar, poi si è spostata a Los Angeles. Stasera la popstar è protagonista di una serata dal vivo, accompagnata da pianoforte e chitarra, con i brani del suo repertorio che l’hanno resa famosa all’estero.
Teatro Arciliuto, piazza Montevecchio, ore 21.30
 
 
Swing/Con Note Antiche un viaggio nel tempo all’Elegance
 
L’obiettivo della vocalist Vita Pugliese e del pianista Massimiliano Carradori, cioè il duo Note Antiche,  è la divulgazione della musica italiana e straniera riferita a un preciso momento storico, gli anni ’30, ’40 e ’50. Il repertorio va dalla nascita del jazz allo swing, dal blues alle melodie. Per lo swing il duo si muove fra Natalino Otto (“Mamma, voglio anch’io la fidanzata”, “Ho un sassolino nella scarpa”), Alberto Rabagliati (“Mattinata fiorentina”, “Ba-ba-baciami piccina”), Luciana Dolliver (“Bambina innamorata”, “Sono tre parole”, “Un’ora sola ti vorrei”) e il Trio Lescano (“Maramao perché sei morto”, “Ma le gambe”, “Pippo non lo sa”). E non solo: si va dagli storici autori Alfredo Bracchi, Giovanni D’Anzi e Vittorio Mascheroni alla produzione musicale caratterizzata dai divieti del tempo di guerra, dalla rinascita degli anni ’50 al jazz e alla musica francese di Yves Montand e Édith Piaf.
Elegance Cafè, via Francesco Carletti 5, ore 22
 

Blues/Jam session al Charity Cafè con la band di Libero Di Benedetti
 
Jam session all’insegna del blues, stasera, per gli appuntamenti di Blues Jam & Friends: apre la formazione The Black Cat Bones, con il vocalist e chitarrista Paolo Re, Andrea Di Giuseppe all’armonica, Lucio Carletti al contrabbasso e Luciano Micheli alla batteria. Gli appassionati di blues sono invitati a salire sul palco e partecipare.
Charity Cafè, via Panisperna 68, ore 22
 
 
GIOVEDI’ 9 GENNAIO 
 
 
Jazz/All’Elegance il sax di Red Pellini incontra la voce di Valeria Rinaldi
 
Red Pellini con il suo quartetto (Alessio Magliari al pianoforte, Marco Loddo al contrabbasso e Carlo Battisti alla batteria) propone un omaggio al grande sassofonista nero Lester Young, morto nel lontano 1959 e il cui stile è stato l’anello di congiunzione tra il jazz classico e quello moderno, al culmine della Swing Era. Young era famoso per il suo personalissimo stile e per essere un modello per generazioni di jazzisti, da  quelli che avrebbero dato il via al movimento bebop agli eroi del cool. La grande Billie Holiday lo considerava il miglior tenorsassofonista del panorama jazz, e fu lei a dargli il soprannome “Prez”, “il Presidente”. Il quartetto avrà come guest artist la vocalist Valeria Rinaldi con il suo stile, la sua eleganza e la sua ironìa.
Elegance Cafè, via Francesco Carletti 5, ore 22
 
 
Rock/Al Big Mama la band Organ Fever con Linda Valente
 
Torna sul palcoscenico del Big Mama la band Organ Fever, formazione con la tradizionale struttura organo Hammond, chitarra e batteria, nella quale spicca l’assenza del basso, ruolo svolto dall’organista attraverso una pedaliera di legno. L’Hammond è uno degli strumenti più caratteristici degli anni ’60 e ’70, le sue sonorità sono state sfruttate in ogni genere musicale, dal jazz al rock al soul. L’organista Fabio Di Cocco, con il chitarrista Luca Casagrande e il batterista Piero Fortezza, special guest la vocalist Linda Valente, offrono un repertorio che comprende parecchie composizioni di Jimmy Smith (vero gigante dello strumento, che nel lontano 1988 fu protagonista di due performance proprio ai Big Mama, scomparso nel 2005) con brani come “Back at the Chicken Shack”, “Organ Grinder Swing”, “Thee Cat”, ma non mancheranno pezzi più funky come “The Chicken”, “Cissy Strut”, “The Streetbeater” e brani soul & pop opportunamente riarrangiati per il trio, come “Every Breath You Take” dei Police, “Come Together” dei Beatles, “Isn’t She Lovely” di Stevie Wonder e “Fever” di Peggy Lee.
Big Mama, vicolo S. Francesco a Ripa 18, ore 22
 
 
Canzoni/Con Nadia Natali un viaggio in 150 anni di musica romana
 
S’intitola “150… e Roma se la canta” lo spettacolo che festeggia un secolo e mezzo di musica di Roma Capitale. La voce di Nadia Natali e il talento del chitarrista Alberto Laurenti si uniscono fra note e racconti in un viaggio fra i grandi successi della canzone romana, al completo di inediti sui protagonisti della musica capitolina.
Cotton Club, via Bellinzona 2, ore 22
 
 
Jazz/Davide Palma canta i grandi autori americani
 
Il vocalist, pianista e arrangiatore Davide Palma canta con la sua voce da crooner brani della tradizione jazz americana e delle big band,sulle orme di Tony Bennet, Frank Sinatra, Sarah Vaughan e colleghi, e di autori come Cole Porter, Duke Ellington, George & Ira Gerswin, il tutto con Vincenzo Lucarelli al pianoforte, Vincenzo Florio al contrabbasso e Andrea Nunzi alla batteria.
Charity Cafè, via Panisperna 68, ore 22
 
 
Cantautori/Gio’ DeCaprio live all’Arciliuto
·
Gio’ DeCaprio, che si definisce “cantautore e pianista per caso”, un anno fa ha deciso di debuttare proponendo i suoi brani che rievocano atmosfere che vanno dal jazz al tango, dalla bossanova al folk balcanico. Alle composizioni originali del vocalist e pianista si affiancano hit italiani rivisitati in chiave personale. Lo trovate stasera in concerto al jazzclub romano con Dario Rosciglione al contrabbasso, Massimo Pirone al trombone, Mauro Salvatore alla batteria e Fabrizio Verduchi alle percussioni.
Alexanderplatz, via Ostia 9, ore 22
 
 
Rock/La band dei New Candys in concerto al 30 Formiche
 
I New Candys sono una band alternative rock nata a Venezia nel 2008, la cui attuale formazione vede sul palco Fernando Nuti (voce, chitarra, sitar), Andrea Volpato (chitarra, voce), Alessandro Boschiero (basso) e Dario Lucchesi (batteria, percussioni). Definiti “vessilliferi di una psichedelia brumosa, dilatata e shoegaze”, “una delle realtà più internazionali che esistano in Italia”, “un gruppo che offre rumore puro, rumore ottimo, un rock’n’roll che sgorga limpido dalla sorgente dei classici”, sono in concerto con i loro hit e i brani dell’ultimo album “Bleeding Magenta”. Divertenti, spesso con il volume a palla.
30 Formiche, via del Mandrione 3, ore 22
 
 
VENERDI’ 10 GENNAIO
 
 
Rock/”Heroes”, tributo a David Bowie 4 anni dopo la morte
 
S’intitola “Heroes” il tributo a David Bowie che se n’è andato il 10 gennaio di quattro anni fa a New York. Riuniti da Radio Rock, alcuni dei migliori artisti e gruppi della scena romana e nazionale si alterneranno per rendere omaggio al leggendario musicista inglese. Saranno in tanti sul palcoscenico: Andrea Ra, Ketty Passa, Wepro, Los3saltos, Panta e due special guest, Davide Toffolo (Tre allegri ragazzi morti) e Davide “Divi” Autelitano (I Ministri), più un dj set conclusivo di Dj Yakuza.
Monk, via Giuseppe Mirri 35, ore 22
 
 
Jazz/Alla Casa per “Giovani Leoni” Dario Piccioni presenta “Limesnauta”
 
“Limesnauta” è un neologismo formato da due parole appartenenti a due tra le più antiche lingue del mondo: richiama il legame con il fascino delle civiltà antiche, del mondo classico e della sua eredità, filtrata da secoli di storie e incontri in quel meraviglioso teatro che è il Mediterraneo, il territorio dal quale questa musica proviene. “Navigatore del confine” è un nuovo attributo per il viaggiatore contemporaneo, lungo itinerari prima di tutto interiori, e l’esplorazione dei limiti è il momento in cui in ognuno di noi si manifesta un potenziale critico che mette in discussione i valori e i dogmi, alla ricerca di un nuova visione delle cose. E’ il progetto che propone il contrabbassista e compositore Dario Piccioni, in trio con il pianista Vittorio Solimene e il batterista Michele Santoleri.
Casa del Jazz, viale di Porta Ardeatina 55, ore 21
 
 
Rock/Il chitarrista Neil Zaza in concerto al Crossroads
 
Neil Zaza, americano di Northfield Center, Ohio, 55 anni, è uno dei chitarristi rock più affermati a livello internazionale, una sorta di guitar hero statunitense che in questi giorni è di nuovo in tour europeo con la sua band. Zaza suona rock strumentale melodico, offre assoli rapidissimi, combina la potenza del rock con melodie e ballad, si sposta dal blues al funk e al metal, e la sua abilità gli consente di eseguire anche riletture di composizioni classiche di Bach e Mozart.
Ha condiviso il palco con tante star, da Steve Vai a Joe Satriani, Dweezil Zappa, Steve e Mike Porcaro, Andy Summers, Yngwie Malmsteen, Vinnie Moore, Larry Coreyll, e due dei suoi tanti album, intitolati “One Silent Night”, sono stati registrati dal vivo al Palace Theater di Cleveland con la Cleveland Rock Orchestra.
Con lui da anni suonano, nei concerti europei, due musicisti italiani, il bassista Walter Cerasani e il batterista Enrico Cianciusi, che Neil ha coinvolto anche in studio nella registrazione di “Peach”, il suo undicesimo e ultimo album. Insomma, roba buona.
Crossroads Live Club, via Braccianense 771, ore 22
 
 
Jazz/The Swing Dogs, all'Elegance si va negli anni Venti e Trenta
 
The Swing Dogs propongono la musica degli anni ’20 e ’30 riesumata e riprodotta come dal cono di un vecchio grammofono. Sono Guido Giacomini (chitarra, banjo e voce), Piercarlo Salvia (sax tenore e clarinetto) e Light Palone (contrabbasso). La loro è un’esperienza filologica sulle orme di Fats Waller, Mills Brothers, Slim & Slam e altri musicisti d’epoca.
Elegance Cafè, via Francesco Carletti 5, ore 22
 
 
Canzone d’autore/Genti Diverse, tutto De Andrè al Big Mama
 
Un viaggio nelle canzoni di Fabrizio De Andrè, scomparso vent’anni fa, dai primi album allo splendido "Anime Salve", con gli arrangiamenti fedeli agli originali, compresi i brani dello storico tour che il cantautore fece con la PFM nel 1979: lo offre la band romana Genti Diverse, on the road dal 2011. Sono in tanti: il vocalist Dodo Versino, la flautista Francesca Colucci, il violinista Alessandro Gilardi, Fabio Frapparelli al corno e tromba, i chitarristi Luca D’Afflisio e Giuseppe Molino, il tastierista e flautista Filippo Stefanelli, il bassista Giacomo Nardelli e il batterista Paolo Volpini, e rileggono molto bene, con rispetto e con passione, brani che sono ancora oggi una parte fondamentale della grande canzone d’autore. Gli arrangiamenti sono quasi tutti ispirati ai concerti che De André ha fatto nella sua lunga carriera.
Big Mama, vicolo S. Francesco a Ripa 18, ore 22
 
 
Jazz/Al Charity Cafè suona il Midtown Hammond Trio
 
Il repertorio del Midtown Hammond Trio trio offre una serie di standard della tradizione jazzistica con particolare attenzione ai brani eseguiti dalle storiche formazioni con l'Hammond, e non solo. Il sound del trio (Filippo Bianchini al sax tenore, Vittorio Solimene all’organo Hammond e Francesco Merenda  alla batteria è molto originale e l'interplay dei tre musicisti rende tutto divertente.
Charity Cafè, via Panisperna 68, ore 22
 
 
Rock/I Camillas, da Pordenone, in concerto a Le Mura
 
Tornano a Roma i Camillas, band pop rock di Pordenone, militante da oltre 15 anni sulla scena con la sua musica ironica e scanzonata. Al duo formato da Vittorio Ondedei e Mirko Bertuccioli si sono uniti Enrico Liverani alla batteria e Daniel Gasperini al basso, e portano in tour il loro ultimo album “Discoteca Rock”.
Le Mura, via di Porta Labicana 24, ore 22
 
 
SABATO 11 GENNAIO

 
 
Rock/Al Largo Venue una notte per David Bowie

 
Si chiama “David Bowie Glam Night” l’omaggio a David Bowie, scomparso il 10 gennaio del 2006. A mezzo secolo dall’esplosione del Glam Rock si ricorda il Duca Bianco con concerti, special guest internazionali, la proiezione di spezzoni inediti del film di Rita Rocca “Bowienext”, un talk show con giornalisti e musicisti e l’esposizione di opere ispirate alla vita artistica e musicale di Bowie realizzate da AIR, Aerografisti Italiani Riuniti. Saranno esposte una trentina di opere realizzate ad aerografo e tecnica mista, e durante la serata alcuni artisti di AIR si esibiranno live nella realizzazione di ritratti di David Bowie e body painting. Special guest della serata i danzatori della Lindsay Kemp Company, Daniela Maccari e Ivan Ristallo che si esibiranno sul palco accanto a Andy Bluvertigo e la sua band. In chiusura “Glam Rock Party”, dj set ispirato ai primi anni 70, l’epoca di Marc Bolan, David Bowie, Gary Glitter, Suzi Quatro, Slade e Roxy Music, dei lustrini e delle paillettes.
Largo Venue, via Biordo Michelotti 2, dalle ore 20 
 
 
Jazz/Maurizio Giammarco & Syncotribe live a Recording Studio
 
Stasera per Recording Studio (la rassegna che permette al pubblico di assistere alla registrazione live dei dischi della Parco della Musica Records) il sassofonista Maurizio Giammarco registra dal vivo il suo nuovo album con la formazione Unplugged Syncotribe, ovvero il trio Syncotribe allargato a quintetto. In scaletta solo nuove composizioni di Giammarco scritte appositamente per l'occasione. E’ un appuntamento ideale per vivere in diretta la nascita di un disco doc. Con Maurizio sono sul palco la chitarra elettrica di Paolo Zou, il pianoforte e le tastiere di Luca Mannutza, il contrabbasso di Matteo Bortone e la batteria di Enrico Morello.
Parco della Musica, Teatro Studio Borgna, ore 21
 
 
Jazz/Al Cotton doppio live swing con la big band di Emanuele Urso
 
Al Cotton Club oggi è di scena lo swing di Emanuele Urso, clarinettista e batterista alla testa della sua big band, in un viaggio ai tempi della Harlem degli anni 30 con arrangiamenti originali della Fletcher Henderson Orchestra. Urso ama il jazz della Swing Era, tra il 1935 e il 1945, del quale è uno dei maggiori cultori. La formazione vede al suo fianco il trombettista Lorenzo Soriano, il trombonista Alessandro Cicchirillo, il sassofonista Stefano Di Grigoli, Adriano Urso al pianoforte, Fabrizio Guarino alla chitarra, Stefano Napoli al contrabbasso, Giovanni Cicchirillo alla batteria e la vocalist Clara Simonoviez.
Cotton Club, via Bellinzona 22, ore 21.30 e ore 0.30
 
 
Soul/Al Charity Max Prandi incontra il blues di Lino Muoio

L’anima soul del vocalist e chitarrista Max Prandi incrocia le corde vibranti del mandolino blues di Lino Muoio: questo progetto nasce dal rispetto e dal sincero amore per le radici delle sonorità più ancorate al soul e al blues, e offre jam session genuine, crude, essenziali che puntano al cuore delle emozioni. La voce calda di Max Prandi si unisce alle note del mandolino per un viaggio esperienziale nella cultura afro americana. Con i due protagonisti stasera sono sul palco il pianista Simone Scifoni e il solista di armonica Andrea Di Giuseppe, mentre domani con Prandi e Muoio c’è solo Scifoni.  
Charity Cafè, via Panisperna 68, stasera e domani, ore 22
 
 
Jazz/Alla Casa il “Taccuino” del chitarrista Giovanni Palombo
 
“Taccuino di Jazz Popolare” è l’album che raccoglie le composizioni più recenti composizioni del chitarrista Giovanni Palombo, eseguite in concerto con il suo quartetto. I musicisti (Palombo, Gabriele Coen ai sassofoni e ai clarinetti, Benny Pennazzi al violoncello e Francesco Savoretti alle percussioni) fondono le loro esperienze e le loro personalità in un crocevia di suoni acustici, musica mediterranea, tessiture jazz e improvvisazione in un amalgama originale e unico nel panorama italiano.
Casa del Jazz, viale di Porta Ardeatina 55, ore 21
 
 
Soul/Bianca Blues con la sua band in concerto al Big Mama
 
I brani di artisti come Curtis Mayfield, Ray Charles, Aretha Franklin, Otis Reddig, Sam Cooke, Al Green, Marvin Gaye, James Brown e compagni, trasmessi in radio per decenni, hanno fatto ballare intere generazioni nei quartieri poveri di New York, Chicago, Detroit, New Orleans, e la band Bianca Blues & i Sette Soul rilegge quello splendido repertorio, tra soul, funk e rhythm & blues. Il vocalist Fulvio Tomaino, il chitarrista Alfredo Bochicchio, il bassista Massimo Nanni e il batterista Claudio Colazza sono insieme a una ricca sezione di fiati: Sergio Vitale alla tromba, Luca Giustozzi al trombone e i tre sassofoni di Carlo Micheli, Paolo Tomassini e Bruno Coltre.
Big Mama, vicolo S. Francesco a Ripa 18, ore 22
 
 
Jazz/Keep on Swinging in concerto all’Elegance Cafè
 
Il quartetto Keep on Swinging è una formazione romana nata dalla comune passione di musicisti di lunga data per i brani americani della Swing Era, anni ’30 e ’40, a volte riproposti in stile classico e altre con arrangiamenti originali. Tra i pezzi in programma non manca qualche incursione nello stile latin. Sono la vocalist Arianna Lacqua, Stefano Ghezzi al pianoforte, Vittorio Sonsini al contrabbasso e Maurizio Calipari alla batteria.
Elegance Cafè, via Francesco Carletti 5, ore 22
 
 
Rock/Dalla Romagna i Cosmetics live sbarcano al 30 Formiche
 
Emanuele Bartolini (chitarra e voce), Alessandro Straccia (chitarra e synth), Alice (voce e basso) e Simone Bartolini (batteria) sono i Cosmetics, band rock alternativa il cui nome significa "etica del cosmo". Appassionati dei Nirvana, si muovono fra shoegaze, musica psichedelica e noise. Il 2019 è il decimo anniversario dall’uscita del loro album "Non siamo di qui", che finalmente verrà pubblicato anche in vinile, e nel live ne verranno proposti tutti i brani, opportunamente riarrangiati, insieme a una selezione dai loro sei dischi, l’ultimo dei quali è “Plastergaze” del 2019. Definiscono la loro musica “rumore, fatto di canzoni”.
30 Formiche, via del Mandrione 3, ore 22
 
 
Rock/I Van Der Rohe in concerto a Le Mura
 
I Van Der Rohe, rockband della scena alternativa romana, sono on the road da tre anni ma i componenti già avevano suonato in tante altre formazioni (Patchwork, Tsunami, Chickenfeathertangas, Moana Brass, Thinred Line, The Bananas…) e si muovono fra sonorità potenti e delicate aperture psichedeliche. Hanno suonato in quasi tutti i live club di Roma e dintorni e in diverse rassegne e festival aprendo i concerti di Joe Victor, Ardecore, Adriano Viterbini e altri. Simona Panepuccia e Daniele Mingarelli (voci e chitarre), Marco Cenci (basso) e Roberto Mazzei (batteria) presentano il loro ultimo album “Canzoni per i sassi e per i fiori” e la loro musica s’ispira all’indie rock americano anni 90, al noise, al rock psichedelico anni 70, al cantautorato folk rock e al blues.
Le Mura, via di Porta Labicana 24, ore 22
 
 
DOMENICA 12 GENNAIO
 
 
Musica/All’Elegance con Raquel Silva un tributo a João Gilberto
 
Se n’è andato solo sei mesi fa, all’età di 88 anni, il brasiliano João Gilberto, chitarrista, interprete e cantautore che insieme a Antônio Carlos Jobim, Vinícius de Moraes e Carlos Lyra ha inventato la bossa nova, e stasera gli rende omaggio il trio della vocalist e chitarrista Raquel Silva Joly, con il batterista Giovanni Campanella e come special guest il sassofonista Moreno Romagnoli. Proporranno le tante canzoni rese celebri da João, con le quali racconteranno il suo lato mistico ma anche quello fantasioso e allegro.
Elegance Cafè, via Francesco Carletti 5, ore 21.30Jazz/ o alla Casa ie
 
 
Rock/Al Cotton Club con Peggy Sue & The Dynamites
 
“Bevo solo rock’n’roll” è la serata diretta da Lalla Hop che propone musica vintage all'insegna del rock, e oggi si torna nel secolo scorso con Peggy Sue & The Dynamites, band nata nel 2013 per riproporre i successi più famosi degli anni '50 e '60, da Wanda Jackson a Brenda Lee, Little Richard e tanti altri, e con cover di hit rivisitati in chiave vintage per ballare, scatenare e divertire il pubblico. Sono la vocalist Simona Della Porta, il chitarrista Riccardo Schiavello, il bassista Roberto Battilocchi e il batterista Antony Manzi. Prima della band lezione di ballo con la scuola di Roma Rocking Boogie - Swingin' Up.
Cotton Club, via Bellinzona 2, ore 21
 
 
Jazz/Open Swing Lab, swing, ballo e jam a Na Cosetta
 
E’ un appuntamento fisso della domenica l’Open Swing Lab del club del Pigneto, laboratorio musicale dedicato agli stili del jazz e dello swing ideato dal sassofonista e bandleader Giorgio Cùscito, dal chitarrista Gino Cardamone e dal contrabbassista Giuseppe Talone, in programma ogni due domeniche. Dopo il primo set comincia una festa aperta a musicisti e ballerini che danno vita, sopra e sotto il palco, a una vera orchestra con fiati, violini, voci, chitarre, washboard, batteria, alle prese con brani storici della Swing Era americana. Più di una jam session, una vera e propria scuola di musica a palco aperto dove non mancano le incursioni di chi balla il lindy hop.
Na Cosetta, via Ettore Giovenale 54, ore 22.


 
 

 
  Ultimo aggiornamento: 6 Gennaio, 17:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Casa mia è piena di gente”. E menomale che si chiama isolamento

di Veronica Cursi