ROMA

Da Silvestri a Gazzè, da Consoli ad Alpha Blondy: i concerti a Roma

Lunedì 12 Agosto 2019 di Fabrizio Zampa
Daniele Silvestri

LUNEDI’ 12 AGOSTO
 
 
Jazz/Gegè Munari quintet, doppio live al Gregory

Due serate sul Tevere con il quintetto del batterista Gegè Munari: oggi e domani il decano del musicisti jazz è in concerto con il sassofonista Marco Ferri, il trombettista Francesco Lento, il pianista Domenico Sanna e il contrabbassista Vincenzo Florio: una formazione che è una garanzia di musica elegante e con tutte le carte in regola.
Gregory’s By The River, Lungotevere Tor di Nona, stasera e domani, ore 21.30
 
 
Jazz/”Triplets”: Amedeo Ariano con Tandoi e Bulgarelli

“Triplets” è un viaggio musicale che parte dalla tradizione per arrivare a linguaggi più moderni, con spirito divertente e voglia di trasmettere tante emozioni, sia dolci che amare, proprio come nella vita, ma sempre sostenute dal buon vecchio swing: è l’appuntamento di stasera con due band sul palco. La prima è quella che vede insieme il batterista Amedeo Ariano, la vocalist e pianista Francesca Tandoi e il contrabbassista Luca Bulgarelli, ovvero il trio che ha realizzato il disco, che offre otto tracce, tra standards riarrangiati, un brano originale dal titolo “BulgArianTandoj” e due brani cantati, uno dei quali, “You don’t Know me”, è dedicato al grande Ray Charles. Dopo il set di Ariano è la volta di un altro trio, quello formato dal batterista Lucrezio de Seta con il pianista Ettore Carucci e il contrabbassista Francesco Puglisi.
Gianicolo in Jazz, piazzale Garibaldi 1, ore 21.30
 
 
Tango/Village Celimontana, milonga con Celimontango

Il lunedì niente jazz ma tango con Celimontango, progetto che trasforma lo spazio verde della villa in una milonga aperta agli appassionati del genere: l’evento è a cura di Il Principe e dj Vargas, al completo di lezioni di tango a cura di due maestri argentini, Samantha Dispari e Santiago Fina. E alle 22 concerto della band Las Maripositas: sono Fabiana Avoli al pianoforte, Monica Tenev al flauto e al bandoneon, la vocalist Valentina Paiella, Daria Rossi Poisa al violoncello e Flavia Ostini al contrabbasso. Nel 2013 hanno fatto un tour in Argentina e lì hanno studiato con maestri come Nicolás Ledesma, Paulina Fain, Ezequel Mantega, Patricia Andrade, Eliana Sosa. Recentemente hanno aperto i live dell’orchestra argentina “Misteriosa Buenos Aires” e hanno partecipato a diversi festival italiani e europei.
Village Celimontana, via della Navicella 12, dalle ore 20
 
 
Blues/I River Blonde in concerto a Letture d’Estate

Blues ad alta gradazione ritmica da una delle formazioni più originali del panorama nazionale, cioè i River Blonde, duo formato da Stefano Tavernese (voce e chitarre) e Armando Guit Serafini (percussioni). In cinque anni di attività hanno dato una lunga serie di concerti partecipando ai maggiori festival e alla finale dell’Italian Blues Contest, e hanno alle spalle l’album “The Heart, the Healer and the Holy Groove”, che propone il vasto repertorio della formazione romana: dal Mississippi al biondo fiume capitolino, dalle radici americane al rock e al funk spaziando tra pezzi originali e personalissime cover di classici con qualche sortita in territori meno prevedibili.
Letture d'Estate, Giardini di Castel S. Angelo, ore 21.30
 

 

 
 
MARTEDI’ 13 AGOSTO
 
 
Jazz/Swing Swing Swing, con Paola Ronci & The Reefermen al Village

Ogni martedì si balla nella serata a tema Swing Swing Swing, con spazio per i Lindy Hoppers e gli amanti del ballo nonché lezioni gratuite a cura della scuola scuola Swing Cats. A seguire il concerto di Paola Ronci & The Reefermen: è un quartetto che suona il jazz di New Orleans e il blues classico, rendendo omaggio a storici artisti come Fats Waller e Bessie Smith ma personalizzando i brani con un sound unico per donare nuova linfa vitale ad un repertorio di per sé tradizionale. Con la vocalist Paola Ronci suonano Gino Cardamone alla chitarra e al banjo, Giuseppe Talone al contrabbasso e Antonio Marianella alla batteria e al washboard, che è l’antica asse di legno per lavare i panni usata come uno strumento a percussione sfregandola con le dita opportunamente munite di ditali metalli, come usavano le nostre bisnonne. La serata è in collaborazione con Lalla Hop e dj Arpad, che si alterneranno tra palco e consolle.
Village Celimontana, via della Navicella 12, ore 21
 
 
Jump blues/I Jump Aces live a Letture d’Estate

Blues Night con i Jump Aces, nuova formazione romana jump blues & swing che di nuovo ha solo il nome: è formata da musicisti molto conosciuti della scena romana e non solo. Il pianista Marco Meucci ha il boogie nelle mani e una voce che lascia il segno, Alessandro Angelucci è un punto di riferimento della chitarra jump blues, Al Compassi al contrabbasso viene dal rockabilly ma fa escursioni nel jump e nello swing, mentre Lorenzo Francocci alla batteria ha tutta l’energia dei vent’anni.
Letture d'Estate, Giardini di Castel S. Angelo, ore 21.30
 
 
MERCOLEDI’ 14 AGOSTO
 
 
Rock/Daniele Silvestri, con Diodato e Mirko, apre Festambiente

E’ il “Concerto per il clima”, firmato dal cantautore Daniele Silvestri, ad aprire l’edizione 2019 di Festambiente, l’ecofestival più atteso dell’estate che si svolge nel Parco della Maremma e offre musica, cinema, mostre, spettacoli e laboratori per bambini, incontri, per immergersi nell'ambiente a tutto tondo in una località vicina a molti luoghi di villeggiatura amati dai romani.
Il live di Daniele è una data unica creata appositamente per Festambiente, una chicca che ci parlerà di futuro e di come salvare il nostro pianeta, anche da noi stessi. Con l’ultimo album “La terra sotto i piedi” Silvestri offre uno spettacolo intenso, pieno di emozioni, in cui si lancerà un appello di mobilitazione e di speranza (#palcoperilclima) insieme alla sua band e con due ospiti che apriranno  la serata, Mirkoeilcane e Diodato.
Mirko Mancini, in arte Mirkoeilcane, è un cantautore e musicista romano che nell’edizione 2018 di Sanremo è arrivato secondo fra le Nuove Proposte e ha ricevuto il Premio Sergio Bardotti per il miglior testo, il Premio della critica Mia Martini, il Premio Enzo Jannacci di Nuovoimaie e la Targa Pmi. Anche Diodato (Antonio Diodato, da Aosta, annata 1981, famiglia pugliese, romano d’adozione, cresciuto fra Italia e Svezia) ha un solido percorso musicale: rispetta le regole della canzone d’autore ma lascia ampio spazio al rock col quale è cresciuto. Per i dettagli: www.festambiente.it
FestAmbiente, via della Riforma, Rispescia (Grosseto), ore 22
 
 
Jazz/Al Gregory il trio della pianista e vocalist Silvia Manco

Pianista, vocalist, compositrice, arrangiatrice, Silvia Manco ha un lungo passato nel jazz: ha collaborato con Roberto Gatto, Renzo Arbore, Sandro Deidda, Dario Deidda, Fabio Zeppetella, Lino Patruno e tanti altri, e il suo repertorio comprende molti standard americani ma anche le sue composizioni, caratterizzate da un dialogo ritmico e melodico tra la voce, il piano e gli altri strumenti. Con lei suonano Andrea Veneziani al contrabbasso e Marco Valeri alla batteria.
Gregory’s By The River, Lungotevere Tor di Nona, ore 21.30
 
 
Soul/“Butterfly Blues Tour”: Noreda Graves al Village

Noreda Graves, per anni voce di punta di alcuni tra i più prestigiosi cori gospel di Harlem, torna con il suo "Butterfly Blues Tour". «Ho avuto un dono e voglio dividerlo con la gente», dice, e nel suo nuovo tour europeo propone un viaggio nel meglio della black music. Americana di Washington DC, annata 1982, Nareda ha una delle voci soul più apprezzate, ha collaborato con Bishop Donnie Graves, Richard Smallwood, Dr. Mattie Moss Clark, The Clark Sisters, Fred Hammond e altri, è la voce soprano solista dell’Harlem Gospel Choir e dell’Anthony Morgan Inspirational Choir of Harlem. Con queste e altre formazioni ha cantato in Italia, Paesi Bassi, Germania, Svizzera, Francia, Belgio e Austria. Nel 2015, con il nome di Noreda Street, è stata una dei 5 solisti del concerto dedicato ai 150 anni della Croce Rossa Italiana svolto a Torino con un coro di ben 250 elementi. Con lei suonano Massimiliano Coclite (piano e tastiere), Riccardo Cancellieri (chitarra), Walter Monini (contrabbasso) e Glauco Di Sabatino (batteria). Una vocalist da non perdere.
Village Celimontana, via della Navicella 12, ore 22
 
 
Musica/I Traindeville a Letture d’Estate

Il duo Traindeville, composto da Ludovica Valori (voce, fisarmonica, trombone, bombardino, pianoforte e tastiere) e Paolo Camerini (contrabbasso, loop, cori, sampled drums), ha viaggiato per le strade di Italia, Usa, Germania, Lussemburgo, Polonia e India, raccogliendo successi e organizzando laboratori musicali con i bambini degli orfanotrofi e delle scuole indiane. La coppia, che si definisce «un treno metropolitano che tocca le stazioni più colorate della musica etnica, dall’indie folk ai Balcani, da Roma al flamenco passando per il klezmer, sulle ali del ritmo e della giocosità»,  è in concerto con i suoi hit e i brani dell’ultimo album "Caffè Fortuna", che parla di migrazione, di speranza e di lavoro. Fra i brani ci sono “Taranta Migrante”, composto dopo il tragico naufragio di Lampedusa del 2013, una versione molto particolare di "Maremma Amara" e il classico balcanico "Ajde Jano".
Letture d'Estate, Giardini di Castel S. Angelo, ore 21.30

 
GIOVEDI’ 15 AGOSTO
 

Jazz/Max Ionata e Dado Moroni, “Two for Yoy” al Village

Dopo due successi discografici come “Two for Duke” e “Two for Stevie”, il sassofonista Max Ionata e il pianista Dado Moroni tornano insieme per un nuovo tour intitolato “Two for You”: è una sintesi dei due dischi nella quale ripropongono i brani e l’immaginario di due colossi come Duke Ellington e Stevie Wonder. Il progetto dei due protagonisti del nostro jazz vede pianoforte e sax dialogare alla perfezione, mantenendo un profondo rispetto verso due artisti che hanno lasciato una traccia indelebile nella storia. Ellington ha scritto alcune delle più importanti pagine del jazz mondiale, mentre Wonder, nella sua natura blues e pop, è stato un innovatore nella composizione moderna pur mantenendo un forte legame con la tradizione. Sono due figure che nonostante le diversità hanno molto in comune. a cominciare dal blues che è parte integrante dalla musica nera: non a caso Wonder era un fan di Ellington e molti dei suoi passaggi armonici sono legati agli standard jazz più famosi. Da questo punto di incontro parte “Two for you”: un confronto nel quale Dado Moroni e Max Ionata aprono la porta del cuore, ascoltandosi reciprocamente e creando ogni volta uno spettacolo che, partendo dalle stesse composizioni, genera musiche e melodie sempre nuove.
Village Celimontana, via della Navicella 12, ore 21
 
 
Rock/The Zen Circus a Festambiente con Canali e Rossofuoco

Un ferragosto con The Zen Circus, cioè Andrea Appino (voce, chitarra, armonica), Francesco Pellegrini (chitarra), Ufo Massimiliano Schiavelli (basso) e Karim Qqru (cognome sardo, batteria). La formazione di Pisa, una delle più solide del nostro rock indipendente, è reduce da diversi trionfali tour con oltre 100 mila spettatori, e propone i brani del penultimo album “Il fuoco in una stanza” (del 2018, sul tema dei rapporti umani: figli, genitori, famiglia, dolore…) uscito due anni dopo “La terza guerra mondiale”, e i suoi hit, vent’anni di brani raccolti in “Vivi si muore”, antologia pubblicata quest’anno. I Circus hanno girato mezzo mondo, Australia compresa, hanno inciso e venduto dieci album (quello del 2009 s’intitolava “Andate Tutti Affanculo”, tanto per dare un’idea) più la recente raccolta, hanno collaborato con artisti come Violent Femmes, Pixies e Talking Heads, e il loro rock è una via di mezzo fra il punk americano e la nostra canzone d’autore.
Apre il concerto il rock alternativo di Giorgio Canali, chitarrista, cantautore e producer, con la band dei Rossofuoco: sono il bassista Marco Greco, il chitarrista e vocalist Stewie Dalcol e il batterista Luca Martelli.
FestAmbiente, via della Riforma, Rispescia (Grosseto), ore 22
 
 
Jazz/Cuscito & Swing Valley Band a Letture d’Estate

«Swing is my religion» è sempre stato lo slogan di Giorgio Cuscito, il sassofonista, pianista, vibrafonista e arrangiatore in concerto stasera con la sua Swing Valley Band, che offre i grandi classici della Swing Era e di band come quelle di Duke Ellingtonn, Count Basie, Benny Goodman e così via. Con lui Davide Richichi (tromba), Ferdy Coppola (sax tenore e voce), Gino Cardamone (chitarra), Alberto Antonucci (contrabbasso), Fabiano Giovannelli (batteria) e la vocalist Monica Gilardi.
Letture d'Estate, Giardini di Castel S. Angelo, ore 21.30
 
 
VENERDI’ 16 AGOSTO
 

Rock/Max Gazzè a Festambiente con la sua band

Max Gazzè lo conoscete tutti: eccellente bassista e musicista, autore di opere “sintoniche” e colonne sonore, cantautore, artista capace di spostarsi in ambiti diversi sempre con successo, torna a Festambiente con un live di eccezione, un grande concerto con il suo intero repertorio, dagli inizi alle ultime hit. Insieme a lui, in questo nuovo viaggio, la band di sempre: Giorgio Baldi (chitarre), Cristiano Micalizzi (batteria), Clemente Ferrari (tastiere) e Max Dedo (trombone), più una particolare sezione di fiati. Ogni concerto di Gazzè ha una sua particolarità, chissà che proporrà nella sua unica data in Toscana. E a mezzanotte e mezza, a Piazza Economia Civile, tocca alla band toscana Bolgia di Malacoda, che parte dalla teatralità e dalla tradizione nazionale per costruire il suo alternative rock metal assolutamente fuori dagli schemi.
FestAmbiente, via della Riforma, Rispescia (Grosseto), ore 22
 

Rock/A Vasanello sbarca il tour di Red Canzian

Il tour "Testimone del tempo", show che vede il bassista dei Pooh Red Canzian portare sul palco, insieme a una band che include anche il figlio Phil Mer alla batteria e alla direzione musicale e la figlia Chiara nel ruolo di corista, una selezione di grandi classici del repertorio pop/rock internazionale e italiano oltre che a una selezione sia dei successi della band, sia della sua produzione da solista.
Vasanello (Viterbo), piazza della Repubblica, ore 21.30
 
 
Jazz/Zeppetella & Deidda, due serate al Gregory By The River

Una band che riunisce quattro talenti del nostro jazz, quattro artisti che hanno raccolto successi nei maggiori club e festival di tutto il mondo e con parecchi dischi alle spalle: è quella guidata dal chitarrista Fabio Zeppetella e dal contrabbassista Dario Deidda, con il pianista Roberto Tarenzi e il batterista Fabrizio Sferra. Offrono un doppio live sulle sponde del Tevere.
Gregory’s By The River, Lungotevere Tor di Nona, stasera e domani, ore 21
 
 
Pop rock/Le Vibrazioni in concerto a Cisterna

«Una band dedita ai live, che si trova a suo agio soprattutto sul palco e che suona sempre d’istinto»: così il vocalist e chitarrista Francesco Sarcina, 42 anni, riassume Le Vibrazioni, il gruppo milanese che torna in concerto. Al suo fianco ci sono il chitarrista Stefano Verderi, il bassista Marco Castellani e il batterista Alessandro Deidda, e insieme ai loro recenti successi (come ”Così sbagliato”, proposto a Sanremo nel 2018) suonano il materiale del nuovo album “V”, uscito subito dopo il festival. «E’ un disco semplice, senza fronzoli, diretto, fatto in fretta, praticamente dal vivo, e inciso a casa mia, dove registriamo tutto e facciamo eterne prove», spiega Sarcina. E la fretta? «Benvenuta: ci ha dato tanta energia, ci ha reso più pragmatici, è stata una spinta potentissima. La nostra musica è così: deve uscire fuori subito, live, senza ripensamenti. Noi facciamo le cose che ci vengono, che ci piacciono e che suonano bene». Quale gruppo piace alle Vibrazioni? «Quelli che ci hanno coinvolto di più sono i Led Zeppelin, l’unica formazione che mette tutti noi d’accordo».
Cisterna di Latina, piazza XIX Marzo, ore 22
 

Swing/La Band di Emanuele Urso al Village Celimontana

Torna come ogni venerdì il clarinettista e batterista Emanuele Urso alla testa della sua orchestra, con la vocalist Clara Simonoviez, Lorenzo Soriano alla tromba, Alessandro Cicchirillo al trombone, Stefano Di Grigoli al sax, Fabrizio Guarino alla chitarra, Adriano Urso al pianoforte, Stefano Napoli al contrabbasso e Giovanni Cicchirillo alla batteria. Il repertorio è quello del jazz della Swing Era americana, periodo 1935-1945, con gli arrangiamenti originali di Benny Goodman, Glenn Miller e Fletcher Henderson, studiati e riproposti in concerto.
Village Celimontana, via della Navicella 12, ore 22 
 

Canzoni/La Roma di Stefania Placidi a Letture d’Estate

Stefania Placidi, voce e chitarra, propone ”Pe’ strada romana passo cantanno”, recital di canti di transumanza e serenate, canti di viandanti e di lavoro di Roma e dell’Agro Romano, intervallati da curiose piccole storie. Sono le canzoni tipiche dei carrettieri, dei pellegrini, degli stagionali, degli innamorati, per un racconto romano di chi parte e chi torna, un canto di strade di chi va lontano e di chi non andrà mai via.
Letture d'Estate, Giardini di Castel S. Angelo, ore 21.30
 
 
SABATO 17 AGOSTO
 
 
Jazz/Con Marco Guidolotti un tributo a Massimo Urbani

Massimo Urbani, romano di Monte Mario, era un sassofonista straordinario, pieno di energia, che una volta salito sul palco offriva con il suo sax alto un jazz geniale, fatto di mille invenzioni, innovazioni, creatività: ha girato il mondo, ha suonato a New York con la band di Enrico Rava, ha collaborato con grandi colleghi, ma purtroppo se n’è andato a soli 36 anni, nel giugno 1993, e la sua scomparsa ricordò a molti quella del grande Charlie Parker. Oltre a una dozzina di splendidi dischi ha lasciato un ricordo intenso ella sua musica, e l’altosassofonista Marco Guidolotti gli rende omaggio riproponendo i brani più belli e strazianti della sua breve e intensissima vita: accompagnato dalla voce narrante dell’attrice Gabriella Silvestri, è in trio con il pianista Stefano Reali e  il contabbassista Dario Rosciglione.
Village Celimontana, via della Navicella 12, ore 22
 
 
Rock/Carmen Consoli fra rock e acustico a Festambiente

Un'estate on stage per Carmen Consoli, tra rock e sound acustico in concerti speciali durante i quali propone le due anime che l’hanno accompagnata nel corso della sua ventennale carriera. L’alternanza di rock e acustico sarà possibile grazie all’aiuto di una formazione unplugged composta da violino (Emilia Belfiore), violoncello (Claudia della Gatta) chitarra e mandolino (Massimo Roccaforte), e di una band di strumenti elettrici, con chitarra (Massimo Roccaforte), basso (Luciana Luccini) e batteria (Antonio Marra). In base alla location e all'atmosfera, lo spettacolo cambierà. Saranno concerti speciali che si terranno tutti in contesti particolari, tra palcoscenici inusuali e luoghi suggestivi. L’ultimo album in studio di pubblicato da Carmen Consoli è “L’abitudine di tornare” del 2015, mentre nel 2018 è uscito “Eco di sirene”, terzo disco dal vivo della sua carriera dopo “L’anfiteatro e la bambina impertinente” e “Un sorso in più”. Carmen è  da sempre paladina dei diritti umani, e per questo, oltre che per il suo valore artistico, è la donna giusta per salire sull’ecologico “Palco per il clima”.
FestAmbiente, via della Riforma, Rispescia (Grosseto), ore 22.30
 
 
Rock/La PFM a Anzio con The Very Best Tour

Ha suonato dovunque, dagli Stati Uniti al Giappone, dall’Inghilterra (a uno dei loro concerti c’era addirittura la regina madre) a tutta l’Europa, ha avuto tante variazioni nella formazione e adesso la PFM, la storica Premiata Forneria Marconi, schiera due dei fondatori: sono il batterista e vocalist Franz Di Cioccio e il bassista Patrick Djivas, insieme al violinista e multistrumentista Lucio Fabbri e altri musicisti, da Roberto Gualdi (batteria) a Alessandro Scaglione (tastiere), Marco Sfogli (chitarra elettrica) e Alberto Bravin (tastiere, chitarra). Il "The Very Best Tour" prende il nome dall'ultima antologia della band, che è uscita nell’ottobre 2018 e raccoglie i maggiori successi dei 48 anni di carriera del gruppo. All’interno dello spettacolo c’è anche uno spazio per ricordare la leggendaria collaborazione con Fabrizio De Andrè, nello storico tour e album del 1978.
Anzio, Villa Adele, via di Villa Adele, ore 22
 
 
Blues/Gloria Turrini a Letture d'Estate fra jazz e swing

La vocalist Gloria Turrini é cresciuta nella musica, e partendo dalle radici del blues ha lasciato contaminare il proprio percorso con varie altre sonorità black, tra jazz di inizio secolo, soul, gospel e New Orleans style. Ha una profonda voce da contralto e una forte personalità, e fa rivivere la musica d’un tempo nei suoi spettacoli. Ci sa fare e non è un caso che si siano rivolti a lei e alla sua incredibile vocalità molti professionisti come Andrea Mingardi, Max Gazzè, Giuliano Palma, Andy J. Forest e Jackie Allen.
Letture d'Estate, Giardini di Castel S. Angelo, ore 21.30
 
 
DOMENICA 18 AGOSTO

Reggae/L’ivoriano Alpha Blondy chiude Festambiente

Alpha Blondy è il nome d’arte di Seydou Koné (Dimbokoro, Costa d’Avorio, annata 1953), vocalist reggae molto popolare nella West Africa che si è esibito spesso in Italia, anche a Fiesta. Canta sia in "dioula" (dialetto ivoriano) che in francese, in inglese, in arabo e in ebraico. Fa parte della Solar System Band e ha collaborato anche con i jamaicani The Wailers. Alpha è una figura storica del reggae e il tema principale della sua musica è politico: ha inventato il termine francese "democrature" (combinazione tra democrazia e dittatura) con il quale definisce alcuni governi africani, punta sulla spiritualità e promuove l'unità dei tre monoteismi (ebraismo, cristianesimo e islam) al punto che durante i suoi tour porta con sé la stella di Davide, una Bibbia e il Corano. Ha girato il mondo (dalla Liberia agli Stati Uniti, dal Ghana a mezza Europa), sul palco ha una grande energia alla faccia dei suoi 66 anni, ha inciso 25 album e nell’ultimo, “Human Race”, lancia un messaggio di speranza che guarda al futuro e alla pace. Pre e After Show con il Soul Rockers Sound System e due ospiti, il sassofonista Paolo Angelo Parpaglione dei Bluebeaters e il trombonista Luigi De Gaspari, cioè Mr. TBone, degli Uppertones.
FestAmbiente, via della Riforma, Rispescia (Grosseto), ore 22
 

Jazz/La Roman Classic Heritage di Michele Pavese al Village

Nel lontano 1949 Louis Armstrong venne a Roma e diede il nome di “Roman New Orleans Jazz Band” alla formazione dixieland guidata da Carlo Loffredo, che dopo una serie di controversie è diventata sia la prima che la seconda Roman New Orleans Jazz Band. «Ho avuto la soddisfazione di suonare tanto con la prima che con la seconda, diventata poi Carlo Loffredo Jazz Band», dice il trombonista Michele Pavese, che poi ha guidato la Roman Dixieland Few Stars e ora è leader della Roman Classic Jazz Heritage, in concerto stasera. Insieme a Pavese souno sul palco il grande Bepi D’Amato al clarinetto, il trombettista Pietro Crescimbeni, il chitarrista Vincenzo Barbato e Alessandro Cicchirillo al sousaphone.
Village Celimontana, via della Navicella 12, ore 22
 

Jazz/Ritorna dalla Finlandia il sax di Pekka Pylkkänen

Torna a Roma il finlandese Pekka Pylkkanen, sassofonista e compositore già al fianco di star come Joe Henderson, McCoy Tyner, Bob Mintzer, Dave Liebman, Vince Mendoza, Maria Schneider. Annata 1964, Pekka ha un sound  energico e ispirato e alterna sax soprano e sax alto in un viaggio fatto di scambi, improvvisazioni e interplay con i suoi compagni di palco: in Italia sono il contrabbassista Vincenzo Florio e  il batterista Adam Pache.
Gregory’s By The River, Lungotevere Tor di Nona, stasera e domani, ore 21
 
 
Jazz/Il sax di Simone Alessandrini con “Storytellers”

“Storytellers” è l’album d’esordio del giovane sassofonista e compositore Simone Alessandrini, inciso per l’etichetta Parco della Musica Records. E’ un’opera prima nella quale Alessandrini, al sax alto e soprano, è accompagnato da Antonello Sorrentino alla tromba, Riccardo Gola al basso elettrico, contrabbasso ed effetti, Riccardo Gambatesa alla batteria e Dan Kinzelman al sax tenore in tre brani del disco. “Storytellers” si compone di sette brani originali e fortemente evocativi che creano un’architettura complessa: un album ispirato nel quale i singoli brani sono tessere di un più ampio mosaico narrativo.
Gianicolo in Musica, piazzale Garibaldi 1, ore 21.45
 
 
Concerti/Con Raffaella Misiti “Rock Around the Moon”

La vocalist Raffaella Misiti propone la serata “Rock Around the Moon“, una speciale conferenza definita scientifico/storico/informativa corredata da racconti, aneddoti, contributi video e brani musicali eseguiti dal vivo: la protagonista è la Luna, nattara nel cinquantenario dello sbarco del 21 luglio 1969 dall’astrofisico Ettore Perozzi. “Rock Around the Moon” si diverte a trovare connessioni e collegamenti, anche abbastanza liberi e leggeri, tra scienza e storia, il tutto con la musica proposta dalla voce di Raffaella e dalla chitarra di Annalisa Baldi.
Letture d'Estate, Giardini di Castel S. Angelo, ore 21.30

 

Ultimo aggiornamento: 14:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Se il figlio non sta mai fermo la soluzione è tre sport in uno

di Mimmo Ferretti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma