COPRIFUOCO

Coprifuoco, «La mia ragazza mi ha buttato fuori di casa»: le scuse dei furbetti per evitare le multe

Venerdì 8 Gennaio 2021 di Veronica Cursi
Coprifuoco, «La mia ragazza mi ha buttato fuori di casa»: le scuse dei furbetti per evitare le multe

C’è chi la butta sul melodrammatico: «La mia fidanzata mi ha cacciato di casa stavo tornando da mia madre». Chi punta tutto sulla necessità impellente con tanto di bustina finta tenuta in macchina per l’occorrenza: «Ho comprato un medicinale in farmacia, vede?». C’è il ritardatario cronico che alle 21.55 ha ancora 20 minuti di auto per tornare a casa e chi si rifugia nell’imprevisto: «Sono rimasto senza benzina e ho dovuto aspettare un amico con una tanica». Assurde, incredibili, sconclusionate, fantasiose. Per i furbetti del coprifuoco ogni scusa è buona per girare in strada dopo le 22: drammi familiari, cani da portare fuori, malori improvvisi.

Nuovo dpcm, 12 regioni verso la stretta: dall'11 gennaio si cambia (ancora) colore, Lazio in bilico

Avventure (e disavventure) che in queste settimane di semi-lockdown sono state postate sui profili social sotto l’hastag #coprifuoco, in barba alle multe salatissime (che vanno dai 400 ai mille euro) e ai controlli delle forze dell’ordine. Da Instagram a Tiktok sono molti i video di auto “fuorilegge” che sfrecciano in strada con la videocamera puntata sull’orologio a testimoniare la trasgressione: «Quando manca un minuto alle 22 e ti trasformi in un pilota di Formula Uno», scrive Francy postando una storia sui social. Peccato che nel video successivo mostri una multa per eccesso di velocità. Furbetto sìma non troppo.

Nuovo Dpcm, da lunedì tornano i colori delle Regioni: dal Lazio al Veneto ecco quali possono diventare arancioni

Ultimo aggiornamento: 08:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA