Roma città dei sette colli? No, è pianeggiante. La mappa che spiazza tutti (e che piace ai ciclisti)

Roma città dei sette colli? No, è pianeggiante. La mappa che spiazza tutti (e che piace ai ciclisti)
di Pietro Piovani
2 Minuti di Lettura
Lunedì 12 Ottobre 2020, 00:18 - Ultimo aggiornamento: 13 Ottobre, 12:56

Roma non sarebbe affatto la città di salite e discese che abbiamo sempre creduto. La spiazzante rivelazione viene da Tommaso Di Marcello, un romano che vive in Inghilterra (lavora ai piani di bike sharing per il Comune di Londra) e che ha analizzato l’orografia capitolina sulla base dei dati ricavabili da Google Maps. E dunque pare che la pendenza (il “gradiente”, per dirla in termini matematici) delle strade capitoline sia in media del 2,2%, e anzi la maggioranza delle strade abbia una pendenza inferiore all’1,5%: praticamente pianeggianti. Insomma un territorio di pianura, soprattutto nell’area Nord, in quella a Est e in buona parte del centro storico. Secondo i tifosi della circolazione in bicicletta questo dato fa cadere l’ultimo alibi di chi si rifiuta di pedalare. Secondo i detrattori delle due ruote resta il fatto che i colli ci sono e sono anche più di sette, e poi le distanze sono maggiori che nelle altre città, e poi non ci sono percorsi adeguati, e poi il classico “Roma non è Amsterdam” (il che è indiscutibile, ma allora si può rispondere: "Non è neanche San Francisco") e via discutendo.

Comunque la si pensi, si tratta comunque di una sorpresa che ci disorienta, e che spazza via convinzioni radicatissime nell’anima di tutti i romani, come la scoperta che Roma non è affatto al sicuro dai terremoti e che la carbonara non fu inventata da pastori o carbonari ma è nata nel ‘45 con l’arrivo delle truppe americane.

(Nella foto: la mappa pubblicata su Twitter da Tommaso Di Marcello e rielaborata graficamente da Francesco Mellino)


pietro.piovani@ilmessaggero.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA