ROMA

Compleanni in strada, il nuovo incubo by night

Venerdì 2 Novembre 2018 di Veronica Cursi

L’invito è aperto a tutti: per il compleanno di Leo si va a “sbocciare” a piazza Caprera. Alcool free, vodka, qualche boccia di champagne e la musica che pompa dalle casse delle minicar. Niente torte o candeline: tra i ragazzi va di moda festeggiare così, in mezzo alla strada. Angoli di città trasformati in discoteche all’aperto dove si brinda, si fuma, si balla e a una certa ora scatta pure la partitella di pallone aspettando l’alba. Euclide, Socrate, Mincio, Villa Balestra: i compleanni en plein air delle tribù di Roma Nord si trasformano in notti da incubo per i residenti che, il giorno dopo, si ritrovano a contare i danni. Auto in sosta danneggiate, fontane ricoperte di graffiti, caos e schiamazzi e per terra tappeti di bottiglie rotte e bicchieri di plastica.

L’ultimo video denuncia degli abitanti di piazza Caprera risale a sabato scorso e come sempre ha fatto il giro dei profili Facebook del quartiere Trieste senza troppi risultati: nel filmato si vede una macchina con i vetri in frantumi tappezzata da scritte antisemite. Situazioni queste che il più delle volte degenerano e che vanno avanti da anni, quasi ogni notte e specie nel weekend in barba a chi vorrebbe dormire. Sui social sfilano i ricordi di queste serate ad alto tasso alcolico: i cori da stadio, le ragazze innaffiate da fiumi di spumante. «Auguri Bro – grida qualcuno – siamo i re del quartiere». Vallo a dire ai residenti. 

Ultimo aggiornamento: 7 Novembre, 10:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA