A Roma si può guarire dal Covid, ma non dalla povertà

A Roma si può guarire dal Covid, ma non dalla povertà
di Pietro Piovani
2 Minuti di Lettura
Lunedì 30 Agosto 2021, 00:05

Nei giorni più drammatici della pandemia, quando stavamo tutti chiusi in casa, si è parlato molto di spese solidali e di raccolte di denaro destinate a chi non ce la poteva fare, chi non aveva più di che vivere. Oggi non se ne parla più, ma a Roma tante di quelle iniziative non si sono mai fermate, perché mai si è fermata la povertà. Tra le organizzazioni che funzionano meglio c’è quella messa in piedi da diversi comitati di quartiere nella zona di Monteverde e Porta Portese. Un anno fa ci lavoravano una settantina di persone, adesso circa la metà: sono soprattutto ragazzi, che vanno nelle case delle persone in difficoltà a portare generi alimentari, saponi e altri beni di prima necessità. Si spingono anche fuori zona, fino al Trullo, al Portuense, a Spinaceto. Il flusso delle donazioni è diminuito ma non si è esaurito, e a volte sono gli stessi volontari a metterci del loro.


Aiutano persone come Marco, ex autista di una ditta privata, che ha dovuto lasciare il lavoro per assistere un fratello malato e una madre molto anziana, con la necessità di pagare le cure per entrambi. Marco non ha i soldi neanche per comprarsi da mangiare. E neanche per pagarsi la ricarica del telefonino, che di questi tempi è quasi peggio visto che nel mondo di oggi, tra Spid e Green pass, chi non possiede un cellulare non è più riconosciuto come cittadino.

(Nella foto: i ragazzi volontari di "Roma 12 solidale")

pietro.piovani@ilmessaggero.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA