Roma, parcheggia l'auto e la ritrova distrutta. Sui social spuntano altri casi

Roma, parcheggia l'auto e la ritrova distrutta. Sui social spuntano altri casi
di Veronica Cursi
2 Minuti di Lettura
Venerdì 5 Novembre 2021, 10:23 - Ultimo aggiornamento: 6 Novembre, 14:58

Succede che una sera il marito di Guendalina parcheggi l’auto in via Cesare Correnti, nel quartiere Appio Latino. E che la mattina dopo la ritrovi completamente distrutta. Non un danno minimo (comunque sgradito) - che so un graffio, un’ammaccatura - ma la parte sinistra della macchina interamente divelta all’altezza degli sportelli, senza più la carrozzeria. L’incivile autore del gesto ha pensato bene di fuggire dopo l’incidente senza lasciare traccia. Non un biglietto o un numero di telefono. E nella clinica lì accanto non ci sono telecamere esterne.

«Annate piano»: a Roma il messaggio dell'ignoto autore (che rischia una multa)

Il post su Facebook

A Guendalina, dunque, non rimane altro che affidarsi al passaparola dei social, pubblicando la foto dell’auto danneggiata sul gruppo del quartiere con la speranza che qualche testimone abbia assistito alla scena. Dai messaggi (quasi 200) arrivati al post si capisce che quello di Guendalina purtroppo non è un caso isolato. Non nelle strade di Roma. E non all’Appio. «Anche la mia auto l’ho trovata così - scrive Susanna - le telecamere però nel mio caso hanno ripreso l’incidente: era stato un mezzo Ama». E tra consigli di denunce e installazioni di mini-telecamere in auto, qualcuno si sfoga: «Non è più un quartiere, è un’ecatombe. Negli ultimi mesi si divertono a incendiare auto, rubare gomme, distruggere la carrozzeria. Ma i controlli dove sono?».

© RIPRODUZIONE RISERVATA