Quelli che non smettono mai di sognare

di Marco Pasqua
2 Minuti di Lettura
Lunedì 2 Gennaio 2017, 00:03

Spero che in questo anno 
riusciate ad abbracciare 
chi amate e a realizzare 
tutti i vostri sogni

@onedbreath

Seduti di fronte a tavolate imbandite a festa, mentre sullo schermo si alternavano le immagini del concerto con il count-down prima, e dell’orrore (in Turchia), dopo, hanno accarezzato allo scoccare della mezzanotte il loro sogno più grande. Come quando si spengono le candeline sulla torta di compleanno e si chiudono gli occhi, pensando per pochi secondi al desiderio da esprimere, hanno tirato fuori dalla tasca la loro più grande ambizione o la fantasia più desiderata. C’è Roberta che ha stretto la mano della sua Laura, pensando ad un 2017 di amore e nuove sfide lavorative: a 30 e passa anni, vedrà i frutti del corso di specializzazione che ha scelto di frequentare, per crescere ancora. Emanuele ha sfogliato sul cellulare le foto delle sue allieve e spera in un nuovo contratto con una scuola di nuoto sincronizzato, dove poter insegnare le tecniche dei tuffi. Alex si è rifugiato a Milano, nel calore degli amici: nel 2017 si aspetta un podio, dopo aver percorso chilometri di vasche e vissuto mesi di sacrifici. Anche Ennio, che farà parte della Nazionale, sogna una medaglia, mentre abbraccia la mamma. Mirko deve decidere se ricominciare daccapo, lontano da Roma. Eugenio, rincorrendo teste bionde e rosse, spera ardentemente nell’amore, mentre Andrea si accontenterebbe di non venire più preso in giro. Carla vuole solo che la madre non soffra. Sonia ha lavorato anche il 31, ma è felice di avere finalmente un contratto, dopo anni di sofferenze. Aspettative e speranze che si intrecciano in una notte blindata, con i mitra spianati a due passi dal Colosseo, ma nella quale nessun romano ha rinunciato a rincorrere i suoi sogni.

marco.pasqua@ilmessaggero.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA