Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, «Marijuana light gratis a chi non se la può permettere»: arriva la "cannabis di cittadinanza", ed è polemica

Roma, «Marijuana light gratis a chi non se la può permettere»: arriva la "cannabis di cittadinanza", ed è polemica
di Veronica Cursi
2 Minuti di Lettura
Venerdì 21 Maggio 2021, 06:44 - Ultimo aggiornamento: 09:44

E' un tema che da sempre fa discutere. E l'iniziativa di una società è destinata a creare sicuramente scalpore. Il principale delivery di marijuana light in Italia ha infatti deciso di regalare spinelli light a chi sta vivendo un momento di difficoltà economica o psicologica e ha un ISEE al di sotto dei 40.000 euro. Ribatezzando, oltretutto, questa quantomai discutibile idea: cannabis light di cittadinanza. Rilassarsi con un po' di marijuana (seppure privata di qualsiasi sostanza che provoca effetti stupefacenti) sarebbe, dunque, secondo questa società, il modo più efficace per combattere depressione giovanile, crisi e disoccupazione che la pandemia da Covid 19 ha generato nel paese.

Cannabis, scoperte due nuove sostanze: una è 33 volte più potente del Thc

Cannabis, la Corte: può fumarla soltanto il produttore

Per usufruire del servizio (anonimo), attivo dalle 18 alle 24, basta collegarsi al sito della società e compilare un modulo che certifichi la propria situazione economica. Ogni persona che deciderà di fare domanda riceverà a casa un grammo di marijuana light gratuito, ma sarà possibile anche fare domanda per averla una volta al mese. A Roma, neanche a dirlo, il business è decollato: su 3500 iscritti il 40% è nella Capitale. Ma sui social è subito polemica: «E' una vergogna». «Si creassero posti di lavoro invece di queste pagliacciate». «In che modo farsi le canne risolverebbe i problemi del Paese?». Se lo chiedono in tanti.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA