Un mago delle feste, anche per gli adulti

Mercoledì 5 Ottobre 2016 di Raffaella Troili
Tenetevi i vostri compleanni, io vado a una festa di fine mutuo
@liczin

Incredibile nell’aria c’è una tenera voglia di far festa. Si balla, si ride, si festeggia, col mago e i finti camerieri. Non ci sono bambini, curioso, dato che a un certo punto della vita se qualcuno ha qualcosa da celebrare (o i soldi per farlo) viene guardato come un marziano. E invece no, anche gli adulti tornano a riunirsi, le motivazioni per far festa sono le più curiose come i «party di fine mutuo» e le «feste di divorzio». Spiega Magopaolo Abozzi che chi si alleggerisce di una rata del mutuo o di un impegno economico importante sempre più spesso lo contatta perché vuol condividere. Mago Paolo non si scompone, ne ha viste tante, «era nato come uno scherzo, invece ne ho fatte tante di feste così».
Come la fine di una storia, una separazione sofferta, spesso sono le amiche di lei a chiamare Magopaolo e organizzare l’evento a sorpresa, ma gli è capitato anche che gli avvocati delle due parti, finalmente arrivati al divorzio dopo una lunga e travagliata vicenda giudiziaria, si siano concessi di nascosto dai clienti un party pacificatorio. A volte è la moglie tornata single a «regalarsi una coccola», soprattutto il mago, che da una vita si destreggia tra ragazzi e cerimonie, ha notato che «stanno aumentando le feste senza un senso, un motivo, un fine. C’è solo la voglia di un sano divertimento tra amici, la gente ha ritrovato il gusto della festa in sé, tra bolle di sapone, scherzi, balli. E più si va avanti con gli anni più si assapora il gusto delle piccole cose». E si ride…finalmente.

raffaella.troili@ilmessaggero.ii © RIPRODUZIONE RISERVATA
Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma