Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Low cost e non solo: sorpresa, si vola ancora a 9,99, ma i prezzi stanno salendo

Low cost e non solo: sorpresa, si vola ancora a 9,99, ma i prezzi stanno salendo
di Mauro Evangelisti
2 Minuti di Lettura
Sabato 13 Agosto 2022, 07:01 - Ultimo aggiornamento: 14 Agosto, 23:33

Se tra meno di un mese volete partire da Roma e volare fino a Suceava, nord della Romania, pagherete il biglietto 9,99 euro. Ma come? Il guru delle low cost, Michael O’Leary, non ha dichiarato che non esistono più i voli a 9,99 euro o comunque a prezzi stracciati? E le associazioni dei consumatori non hanno denunciato un incremento pazzesco delle tariffe aeree?

Calma, è vero, ma la realtà è più articolata della sintesi. Altri esempi, affidandoci alle tariffe offerte al momento in cui scriviamo e attingendo da diverse compagnie aeree: a fine mese si va a Sofia con meno di 17 euro, a metà settembre nella stupenda Girona (uno degli scenari del Trono di Spade, vicino a Barcellona) con meno di 20; se siete dei ritardatari, tra una settimana si va a Ibiza con meno di 35 euro e a Catania o Comiso con meno di 15.

I voli a prezzi stracciati esistono ancora, perfino a ridosso di Ferragosto e per mete ambite come Baleari e Sicilia. E non solo con le low cost (Ita non di rado ha le tariffe più concorrenziali). Ma perché O’Leary dice addio ai voli a 9,99 e nel mondo si parla di stangata sulle tariffe? Perché è vero: con l’aumento del prezzo del petrolio mediamente, soprattutto sul lungo raggio, le tariffe salgono. Però, cercando, i prezzi stracciati si trovano. Sono più difficili da stanare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA