Quando la festa inizia alle 22.30
e mamma fa: «Torna tra un'ora»

Mercoledì 12 Giugno 2019 di Raffaella Troili
Mamma, ragiona: se la festa inizia alle 22.30 che senso ha farmi rientrare alle 23.30?». E venne il giorno di mettersi alla prova, scegliere tra divertimento e regole, orari approssimativi e ansia. Mica facile. Molti liceali del primo anno nel weekend hanno provato l’ebbrezza della prima uscita notturna in una discoteca vera, di quelle caciarone e alla moda, dove entri, ti perdi gli amici e ti ritrovi intimo di sconosciute/i, di quelle che finiscono pure sui giornali per gli eccessi e le liti all’esterno. Anche per questo il tam tam tra genitori è stato frenetico: a che ora si entra?; qual è l’organizzazione?; a mezzanotte a casa? Ma non doveva essere aperta solo a quelli del nostro liceo? Ognuna, imberbe come i 15enni in libera uscita, si è messa alla prova: c’è chi non era pronta e ha scelto attesa e mutismo; chi è andata a cena nei pressi del quartiere in cui era la festa e chi se ne è proprio partita, grande coraggio. Meglio. Non sa che Cenerentola portava un toppino striminzito e come tutte non passava inosservata così acchittata. Ne sanno qualcosa i papà appostati dall’una nei pressi dell’Eur. «Ma quella sta a scuola tua?», è sfuggito. La cosa più divertente è che mentre i ragazzi erano in fila, i cancelli ancora chiusi, qualcuno pretendeva rientrassero. Che noia questi genitori moderni. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’automobilista che da solo mette ko tram e ambulanza

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma