CORONAVIRUS

Tutte le quarantene del mondo collegate in videochat

Sabato 9 Maggio 2020 di Mauro Evangelisti
Da Broken Hill, Australia, a Tarija, Bolivia. Dal sorriso di Tsai Szu Ting a Taipei allo sguardo pensieroso di Lavish in India. La pandemia e i lockdown, o meglio le limitazioni alla nostra libertà con le diverse gradazioni da paese a paese, hanno drammaticamente unito il mondo. Prima erano i viaggi e i voli intercontinentali a farci sentire più vicini e uguali, oggi sono le giornate trascorse in casa, sono Skype e la videocamera dello smartphone. Alice Blandini è una fotografa di 36 anni che sta realizzando un progetto dal titolo “Inside and beyond quarantine”, «raccolgo storie su come si vive la quarantena in tutti i continenti».

Grazie alle videochiamate con Skype, Facebook e Facetime ha scattato foto a una settantina di persone in tutti gli angoli del pianeta, raccolto i loro racconti con dei brevi video. Giappone, India, Australia, America, Argentina, Messico, Sud Africa.... Presto riassumerà in un video queste storie, realizzerà una mostra di fotografie, ha già proposto delle brevi anteprime nelle sue storie su Instagram (ph_aliseblandini). «Da quando è iniziato il lockdown ho pensato che fosse giusto trasformare questa esperienza in qualcosa di costruttivo e raccogliere testimonianze per capire cosa ci lasceranno queste giornate di isolamento». Ultimo aggiornamento: 11:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani