«Adotta un albero e fai più verde Porta Portese»

di Maria Lombardi
2 Minuti di Lettura
Venerdì 17 Giugno 2016, 00:05

i cittadini di Porta Portese hanno bisogno di verde e decidono di piantare 25 alberi
@vittoriacovella 

Vai all’edicola e scegli un albero. Puoi dargli un nome e sarà l’albero tuo e di tutti quanti, Porta Portese ringrazia di cuore. Mauro Silenzi dietro una fila di giornali e riviste prende nota e rilascia ricevute, un’altra fogliolina sulla scultura di legno davanti al chiosco di largo Toya è prenotata. Già otto piante sono state adottate, c’è chi l’ha dedicata al nipote, chi alla nonna o ai figli, due classi della scuola Cesana le hanno regalate alle maestre come dono di fine d’anno, chi pensa al gatto o al cane. Il verde nel quartiere va sparendo, cambia il colore e l’umore delle strade. Qui non ci si vuole rassegnare al vuoto dei rami morti e spezzati, o stare lì a rimpiangere il fusto che non c’è più. Qui non ci si lagna, si fa. Il comitato di quartiere “La voce di Porta Portese” con il sostegno del Municipio ha deciso di restituire l’ombra perduta. Prenotando una fogliolina all’edicola di Mauro, i cittadini con cento euro possono adottare un albero, una targhetta ricorderà il gesto, oppure unirsi ad altri per formare una “famiglia” adottiva o versare un’offerta nei dindaroli. La raccolta terminerà a novembre, un mese dopo gli alberi saranno piantati, se ne occuperà il Municipio XII, e le essenze verranno scelte in base al luogo. Già in viale Glorioso a Trastevere e in via del Vascello a Monteverde Vecchio i cittadini si sono fatti tutori del verde, ogni pianta ricorda qualcuno. Ora ci prova Porta Portese. Quartieri che si vogliono bene e non aspettano che siano gli altri a ricordarsi di loro. Basta un albero per far crescere cura e rispetto.

maria.lombardi@ilmessaggero.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA