L'archeologo tra scavi, preistoria e cioccolata

di Laura Larcan
Ormai la chiama la mia Africa. Il rapporto è speciale. Sono sette anni che lascia Roma in autunno per raggiungere l'Etiopia e partecipare alla missione archeologica italiana della Sapienza diretta da Margherita Mussi. E qui, a duemila metri d'altezza sull'altopiano di Melka Kunture, Flavio Altamura ha identificato l'impronta fossile più antica del mondo di un bambino, vissuto oltre 700mila anni fa. Un piedino di bimbo di un anno. L'ha chiamato Abeba: significa fiore. Una scoperta che ha fatto il giro del...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 14 Aprile 2018 - Ultimo aggiornamento: 17-04-2018 12:43

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP