ROMA

Disastro Capitale, così con Raggi Roma va indietro

Mercoledì 19 Giugno 2019 di Lorenzo De Cicco
77

In fondo ci aveva avvertito: «A Roma cambierà tutto». E tanto, tre anni dopo quella promessa da comizio, è cambiato nella Capitale-laboratorio dei grillini di governo. In peggio. I trasporti, i rifiuti, le buche, gli alberi, la burocrazia limacciosa degli uffici comunali. Ogni settore, ora che al terzo giro di boa Virginia Raggi aggancia la parte calante del mandato in Campidoglio - è stata eletta il 19 giugno 2016 - mostra il segno di una involuzione più rapida di qualsiasi pessimistica aspettativa.

Raggi incapace, Roma muore - L'editoriale di Virman Cusenza

Rileggere il vecchio depliant elettorale del 2016 per credere, quello in cui il M5S spiegava come «portare a Roma il cambiamento di cui ha bisogno». Trasporti? «È prioritario - c’era scritto - creare un servizio efficiente, con vetture moderne e un numero di corse che soddisfi le esigenze dei cittadini». E invece nel 2018 bus e tram hanno percorso quasi 4 milioni e mezzo di chilometri in meno rispetto al 2016; e già all’epoca il servizio era al di sotto di quanto programmato dal Comune (e senz’altro ancora più sotto di quanto si aspettassero i pendolari). Ieri pomeriggio circolavano appena 620 bus, contro i 1.300 programmati. Colpa dei condizionatori rotti. Il centro di Roma non si ritrovava senza metrò dagli anni ‘80; e non ci è voluto un varco spazio-temporale come in “Non ci resta che il crimine”, per tornare indietro a quarant’anni fa, è bastato che si rompessero, tutte insieme, le scale mobili di Spagna, Barberini e Repubblica, vittime, secondo lo stesso Comune, di un appalto assegnato dalla governance grillina nel 2017. A oggi solo Spagna ha riaperto, dopo un mese.

LE PROMESSE
I rifiuti? «Efficientamento della raccolta differenziata» e «progressiva riduzione della produzione dei rifiuti», era la promessa del 2016. Invece per la prima volta in 10 anni, nel 2018 la differenziata ha messo la retromarcia e perfino l’Ama ha dovuto ammettere che quanto la sindaca Raggi aveva ripetuto negli ultimi tre anni era un clamoroso bluff: nessuna possibilità di arrivare al «70% entro il 2021», si agguanterà al massimo il 55% (ora siamo al 46). La produzione dei rifiuti, quella che doveva «ridursi progressivamente», è invece esplosa, 1,7 milioni di tonnellate nell’ultimo anno, un’inversione di tendenza che non si registrava dal 2010.
 


Altro punto, altro flop. «Elaborare programmi annuali di manutenzione del verde e delle alberature» (volantino del 2016). Invece, non in uno ma in tre anni, l’amministrazione non è riuscita ad affidare una gara per sfrondare i grandi alberi in modo strutturale. È dall’aprile del 2017 che l’appalto rimpalla da un ufficio all’altro, mentre i tronchi vengono giù come birilli a una masterclass di bowling: in tutto il 2016, a Roma erano caduti 48 alberi. Nel 2018, quasi 400. Un aumento del 730%. 

E poi le buche (risarcimenti raddoppiati), il decoro (2015: sfrattati 22 camion bar dal centro storico; dopo il 2015: zero), i conti pubblici (il debito commerciale nell’ultimo anno è schizzato da 1,1 a 1,5 miliardi), la trafila ordinaria per rinnovare un documento che negli uffici comunali diventa un calvario dai tempi inverosimili (fino a quattro mesi d’attesa). Uno sprofondo nei disservizi a cui ha fatto da argine, in questi tre anni, qualche sforzo accompagnato dagli slogan da social e gli hashtag sferzanti, la propaganda degli «stiamo lavorando» e dei torti delle «vecchie amministrazioni» rilanciati sempre e comunque, anche a dispetto del cronometro che scorre, per tutti.

LE 7 PIAGHE DELLA CITTÀ

STRADE/ Record di incidenti per le buche, raddoppiati i risarcimenti danni
TRASPORTI/ Crollo delle corse per bus e tram. E all’Atac è boom di assenteisti
RIFIUTI/ L'invasione dei sacchetti, differenziata giù nel 2018. Paralisi sugli impianti
VERDE/ Alberi caduti, in due anni +730%. Mai assegnata la manutenzione
DECORO/ Zero camion bar via dal Centro. Navona, metà banchi ai Tredicine
CONTI IN DISSESTO/ La crisi delle municipalizzate. Mezzo miliardo di debiti in più
BUROCRAZIA/ Anagrafe lumaca, quattro mesi per rinnovare un documento

Ultimo aggiornamento: 20 Giugno, 00:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Book crossing”, a Roma a volte non funziona

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma