Gualtieri sindaco, il piano per pulire la città: 5 nuovi siti sul Gra e straordinari ai netturbini

Manovra da 40 milioni di euro per Ama. La direzione affidata a Maurizio Pucci

Gualtieri sindaco, il piano per pulire la città: 5 nuovi siti sul Gra e straordinari ai netturbini
di Lorenzo De Cicco
4 Minuti di Lettura
Giovedì 21 Ottobre 2021, 00:21

In attesa che Raggi liberi lo studio vista Fori - mancano poche ore - nel comitato elettorale di Portonaccio sta prendendo corpo il «piano di pulizia straordinaria» annunciato da Gualtieri in campagna elettorale. È una strategia che poggia su 3 pilastri. Il primo: per velocizzare la raccolta lumaca, la nuova amministrazione punta a creare 4-5 nuovi siti di «trasbordo», spiazzi dove i camion più piccoli riversano il pattume, che viene caricato su altri mezzi più grandi diretti verso discariche e impianti di trattamento. C’è l’idea di sfruttare le piazzole dismesse dall’Anas, a ridosso del Raccordo anulare, secondo lo schema abbozzato dall’ex presidente di Ama, Luisa Melara, nominata da Raggi e dimissionaria dopo neanche 5 mesi. Melara, avvocato-manager, è molto apprezzata dal neo-sindaco.

Giubileo, un miliardo e mezzo per il piano Gualtieri: i fondi aggiuntivi previsti in manovra

Il piano per pulire la città

Con i nuovi siti, dislocati sui 4 quadranti della città, i mezzi della raccolta accorcerebbero i tragitti, avrebbero un posto dove scaricare temporaneamente l’immondizia, evitando che si ammassi sui marciapiedi, e potrebbero aumentare i “giri” nelle strade. Il secondo pilastro, è una manovra economica da 30-40 milioni di euro: liquidità da versare nel serbatoio dell’Ama, per rafforzare la raccolta. Come? Con turni straordinari per spazzini e netturbini, incentivi per cambi di mansione del personale non operativo, interventi sulla logistica degli impianti, vecchi e nuovi. Mosse che deciderà il nuovo management: l’amministratore unico, Stefano Zaghis, scelto da Raggi, è in uscita, si dimetterà.

La direzione - almeno della parte operativa - dovrebbe essere affidata a Maurizio Pucci, storico manager Ama, ex assessore ai Lavori pubblici di Marino e prima ancora responsabile dei cantieri del Giubileo del 2000 con Rutelli. Per la nuova governance, circolano i nomi della stessa Melara (ma potrebbe fare anche l’assessore ai Rifiuti) e di Andrea Razzini, dg della multiservizi ambientale di Venezia. I nuovi vertici creeranno l’Ama di municipio, con unità operative, dotate di ampi poteri gestionali, in tutti i 15 distretti, per rendere la raccolta dell’immondizia davvero capillare e, si spera, più efficiente.

GLI SBOCCHI

C’è poi il tema discariche, vero collo di bottiglia che ingolfa il sistema dei rifiuti di Roma. Nell’immediato, il Campidoglio a trazione dem vuole firmare contratti con altri impianti, probabilmente fuori regione, per garantire sbocchi extra all’immondizia prodotta in città. Partirà subito però la ricerca delle zone adatte alle 2 nuove «discariche di servizio temporanee» per la Capitale, da aprire con un iter rapido, entro un anno. Gualtieri potrà contare sulla collaborazione dell’amico Zingareetti in Regione, anche perché nel frattempo sembra definitivamente sfumata l’idea del commissariamento da parte della Pisana: non essendoci più un sindaco «inadempiente», non avrebbe senso. Tra i primi atti di Gualtieri, ci sarà un vertice col governatore. E lì è probabile che si parli anche del “piano cinghiali”: il primo cittadino ipotizza una strategia di contenimento, anche attraverso l’abbattimento degli ungulati. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA