La Ue come Auschwitz, polemica sul vignettista Marione. Virginia Raggi si dissocia

La Ue come Auschwitz, polemica sul vignettista Marione. Virginia Raggi si dissocia
di Simone Canettieri
2 Minuti di Lettura

Ancora polemica su Marione, il fumettista che da qualche settimana cura la campagna di comunicazione di Virginia Raggi a suon di vignette che la ritraggono come l'eroina di un manga giapponese. Ieri Marione ha pubblicato sul suo profilo Facebook una vignetta sulla Brexit: si vede un festante Boris Johnson che esce saltellando, con la  bandiera inglese in mano, dal campo di sterminio di Auschwitz. Il Pd attacca: "Questo vignettista offende la città di Roma e l'olocausto, raggi gli ritiri la collaborazione con il Comune".

Virginia Raggi a fumetti entra nelle scuole in versione eroina

Virginia Raggi diventa un fumetto, la mossa per parlare ai teen

Virginia Raggi si dissocia. «Quella vignetta non ha nulla a che vedere con l'amministrazione ma ci tengo a dire che non rappresenta il mio pensiero e contrasta con la mia sensibilità su temi che mi hanno sempre vista impegnata in prima persona. Bisogna fare molta attenzione quando si toccano tematiche come i campi di sterminio e le persecuzioni naziste». Così la sindaca di Roma Virginia Raggi in merito alle polemiche per la vignetta pubblicata dal disegnatore Mario Improta, detto Marione, sulla Brexit.
 

 

Domenica 15 Dicembre 2019, 16:18 - Ultimo aggiornamento: 20:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA