Roma, tornano le zanzare «Con noi tutto l’autunno». Monitoraggio fino a novembre

Erano scomparse per la siccità, ma ora, con pioggia e umidità, tornano in massa

Roma, tornano le zanzare «Con noi tutto l autunno». Monitoraggio fino a novembre
di Giovanni Sofia
3 Minuti di Lettura
Lunedì 5 Settembre 2022, 08:36 - Ultimo aggiornamento: 09:16

La siccità di quest'estate aveva fatto sparire le zanzare da Roma. Questa volta, invece, con il ritorno delle prime piogge, gli insetti rispuntano in massa nella Capitale. E durante tutto l'autunno ci faranno compagnia. Non c'è più solo il rischio dei sottovasi pieni d'acqua che possono diventare luoghi dove questi animali possano proliferare, ma anche i tombini, le pozze e tutte le aree dove ci sono ristagni d'acqua. Oltre alle solite aree più umide che caratterizzano la città, come i laghetti e gli stagni nelle Ville. A confermarlo è Alessandra Flore, naturalista responsabile del Dipartimento di scienze ambientali del Cesab, il Centro di ricerche in scienze ambientali e biotecnologie.

Estate di nuove malattie: West Nile, vaiolo, usutu. E boom delle patologie legate alle punture di zanzara


IL PARERE
«Le zone umide incidono molto nella crescita di questo genere di insetti, ed è molto probabile che dovremo convivere a lungo con loro, anche al di là dei mesi più caldi che tradizionalmente contraddistinguono la loro presenza nelle città - spiega la studiosa, che in Italia è tra le organizzatrici della City Nature Challenge, un'iniziativa internazionale realizzata proprio per fare in modo che i cittadini individuino flora e fauna nelle aree urbanizzate - Tutto dipenderà dal clima e da diversi fattori che potranno incidere, come l'umidità e le piogge». In questi ultimi giorni, complici i primi temporali che stanno accompagnando il passaggio dall'estate all'autunno, ci sono sempre più segnalazioni di persone che sono tornate a sentire le zanzare ronzare nelle orecchie.

Vespa orientalis, a Roma fioccano le chiamate: 400 segnalazioni al giorno dai cittadini


Due sono quelle che caratterizzano la Capitale: una è la zanzara comune, la Culex pipiens. L'altra è la tigre, l'Aedes albopictus, caratterizzata dalle sue striature sul dorso. Originaria del Sudest asiatico, a Roma è arrivata nella tarda estate del 1997. La specie è particolarmente aggressiva e punge solitamente nelle ore diurne. Nella Capitale, secondo un lavoro del Laboratorio di Parassitologia dell'Istituto superiore di sanità, è attiva da marzo a novembre, con «residui di attività degli adulti fino a dicembre». «L'insetto raggiunge il picco massimo di densità tra agosto e settembre», si legge nella ricerca che monitorò l'evoluzione della zanzara nella Capitale. Secondo un lavoro coordinato lo scorso anno dall'Istituto zooprofilattico sperimentale di Lazio e Toscana e pubblicato sul Journal of medical Entomology, proprio la zanzara tigre asiatica nell'Italia centrale potrebbe essere continuare a pungere durante i mesi più freddi. Gli studiosi hanno raccomandato il rafforzamento della sorveglianza tra giugno e novembre, monitorando anche l'andamento delle precipitazioni e delle temperature. «Inoltre, in una prospettiva di riduzione del rischio - hanno proseguito i ricercatori - le Asl e le istituzioni dovrebbero realizzare campagne di sensibilizzazione per aiutare la comunità ad eliminare e controllare i siti di riproduzione delle zanzare nelle proprietà private».

Zanzare, l'appello degli scienziati ai cittadini: «Mandateci le foto delle zanzare». Tra le più pericolose la Aedes Aegypti
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA