Vigili a Roma, straordinari da record ma pochi agenti per strada: 748mila ore di lavoro extra costate 10 milioni

Il Codacons: «Sono cifre spropositate rispetto agli uomini che sono di pattuglia»

Roma, straordinari da record per i vigili: ma pochi agenti per strada
di Fernando Magliaro
4 Minuti di Lettura
Domenica 10 Luglio 2022, 23:25 - Ultimo aggiornamento: 11 Luglio, 09:08

Oltre 10 milioni e mezzo di euro: tanto sono costate le 748mila ore di straordinario fatte dai vigili urbani di Roma nel 2021: un corpo che, documenti ufficiali alla mano, lavora 7 ore e 12 al giorno con riposo sabato e domenica. E quindi, ogni vigile che si incrocia in strada nel fine settimana sta in lavoro straordinario. I dati emergono da un accesso agli atti e sono firmati dal comandante del corpo, Ugo Angeloni. E se formalmente la divisione del monte ore globale (748mila) per i 5.085 vigili in servizio (147 ore annue a vigile) appare al di sotto del limite massimo di 180 ore annue; in realtà, secondo i sindacati, questo limite di 180 ore annue viene superato abbondantemente visto che «almeno un vigile su 4 non accede agli straordinari», portando così il vero conto sugli straordinari a 196 ore l’anno.

Amelia, movida sotto esame. Controlli a tappeto di Nas e Carabinieri. Alcoltest ai clienti e multe ai locali.

IL COSTO

In termini economici, ogni ora di straordinario viene pagata 14,7 euro per i laureati e 13,9 per i diplomati. In media, 14 euro e 30 centesimi l’ora che rende un costo totale per il 2021 pari a 10 milioni 696mila euro. Parametri di raffronto: gli altri dipendenti comunali difficilmente riescono a raggranellare più di 15 ore di straordinario l’anno. E il massimo per polizia, carabinieri e finanzieri è un monte di 200 ore annue di straordinari. A parte il dato numerico, c’è quello politico. Il presidente nazionale del Codacons, Gianluca Di Ascenzo: «Non mi sembra di vedere una presenza dei vigili così massiccia sul territorio o almeno noi non ce ne siamo accorti. Questi dati ufficiali quindi ci stupiscono: nella programmazione dei turni c’è qualcosa che non va se serve tutto questo straordinario, al netto di emergenze specifiche. Il sindaco deve convocare una riunione per analizzare il servizio». Secondo Carlo Calenda «La situazione è evidentemente fuori controllo con il risultato che in giro per le strade si vedono pochi vigili urbani, non c’è rotazione nei quartieri e la situazione è sotto gli occhi di tutti. L’unico che ha tentato di mettere a posto il caos del corpo fu Marino con iniziative cancellate dalla Raggi». Per Fabrizio Santori, consigliere comunale della Lega, «è evidente, vista la forte carenza di personale, che la polizia locale sia costretta a coprire il servizio in altre modalità ma 748mila ore di straordinario in un anno su 5mila agenti appaiono una pioggia di premi davvero poco produttiva. Lo straordinario non deve coprire le carenze durante le ore ordinarie ma portare a una resa del lavoro efficiente, di reale presenza sul territorio e rivolto a chi merita. Sindaco e Comandante su questi temi battano un colpo e cerchino di indirizzare questo fiume di milioni di euro per dare servizi ai cittadini che in tante occasioni purtroppo si trovano a dover affrontare situazioni di abbandono e degrado inaccettabili». 

Rieti, carabinieri: 98 persone identificate e 11 sanzioni per violazioni al codice della strada

IL LIMITE

Poi c’è la questione sindacale. In teoria, a parte il monte ore annuo massimo di straordinari raggiungibile dal singolo lavoratore, ci sono una serie di norme che dicono che un lavoratore non possa superare il totale di 13 ore lavorative consecutive, fra turno ordinario e straordinari, in una giornata di 24 ore. Secondo Marco Milani, segretario romano aggiunto del Sulpl, «fra le disposizioni interne del comando generale che azzerano ogni bimestre i calcoli sulle ore di straordinario, la carenza di personale e le modalità di espletamento dello straordinario, ci ritroviamo turni straordinari che arrivano fino a sette ore. Ci sono dei gruppi dove viene quasi incoraggiato il ricorso allo straordinario anche in deroga alle norme».

© RIPRODUZIONE RISERVATA