Roma, via Puglie pedonale: ripartono i lavori con l'ok del Consiglio di Stato

Roma, via Puglie pedonale: ripartono i lavori con l'ok del Consiglio di Stato
di Giampiero Valenza
3 Minuti di Lettura
Sabato 18 Settembre 2021, 07:49

Con la riapertura delle scuole i ragazzi degli istituti di via Puglie hanno avuto una sorpresa davanti ai loro occhi: sono ripartiti i lavori di pedonalizzazione della strada. A sbloccarli è stata la sentenza del Consiglio di Stato che ha messo fine alla battaglia legale che alcuni cittadini avevano portato avanti contro Roma Capitale. Il Comitato di quartiere Ludovisi-Sallustiano, infatti, aveva presentato un ricorso contestando, tra i diversi aspetti, la mancata valutazione degli effetti sull'ordine pubblico delle precedenti pedonalizzazioni. Se loro hanno incassato il colpo con il rigetto dell'istanza, si ritrovano invece a esultare i genitori dei ragazzi.

Via Puglie pedonale, panchine e spazi verdi

 

«Finalmente ripartono i lavori per realizzare la nostra Isola che non c'è', dopo anni di querelle legale», commenta Innocenza Spinozzi, presidente dell'associazione Amici dell'Istituto comprensivo Regina Elena. L'area pedonale che sarà dunque inaugurata a breve, all'incrocio tra via Sicilia e via Sardegna, altro non è che una sorta di via delle scuole: oltre all'Istituto comprensivo Regina Elena c'è il liceo classico Tasso.

Roma-Lido: «Un treno ogni 6 minuti», è rivoluzione. Zingaretti: «Inizierà un salto nel futuro»

A poca distanza anche lo scientifico Righi. Circa duemila studenti che si troveranno, al mattino, con uno spazio totalmente libero dalle auto. Il progetto L'Isola che non c'è (nato grazie a una collaborazione tra il Municipio Roma I e il Master Pares di Progettazione architettonica dell'Università Sapienza) cerca di unire idealmente i vicini istituti scolastici. Una piazza darà modo ai ragazzi di vivere tutta l'area esterna e i cortili, con panchine e piccoli spazi verdi.
LA STRADA
«È simbolica e di buon augurio la circostanza che il cantiere sia stato riaperto proprio in questi giorni, contestualmente al rientro a scuola aggiunge Spinozzi - È per i bambini e per le bambine, per i ragazzi e le ragazze che quotidianamente animano questa strada, che sin dall'inizio abbiamo creduto fortemente in questo progetto. È uno spazio che va vissuto quotidianamente in modo sostenibile, un'agorà pensata per la comunità scolastica e per la comunità di quartiere, per le famiglie e per gli anziani».

Via del Corso si rifà il look, tornano i sanpietrini: ecco il piano

La battaglia per l'isola pedonale, oltre che essere passata per le vie legali dei giudici amministrativi, era scesa anche in piazza. Per cercare di sensibilizzare sulla rilevanza dell'iniziativa, l'Istituto comprensivo e l'Associazione Amici dell'Ic Regina Elena lo scorso maggio avevano organizzato una giornata di giochi e sport per i ragazzi. Un'iniziativa patrocinata oltre che dal Municipio stesso anche da Legambiente, dall'Unicef e dal Coordinamento presidenti Consiglio di istituto Roma e Lazio. «Abbiamo voluto dimostrare che quel tratto di strada pedonale è vivibile e oggi i giudici ci hanno dato ragione», conclude la presidente dell'associazione.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA