Velletri, è emergenza abbandoni cani: per un cucciolo adottato ne entrano tre in canile

Lunedì 27 Gennaio 2020
1
Uno dei cani in cerca di adozione
Cuccioli o niente. E così i canili si riempiono di cani adulti che nessuno vuole adottare. E a Velletri è emergenza: il fenomeno dell'abbandono dei cani mantiene da mesi i livelli dell'emergenza tanto che il canile municipale gestito dai volontari dell'associazione «Tutela del cane», non può più accoglierli e i cani randagi nella cittadina vengono catturati solo se gravemente malati. L'emergenza si trascina ormai da questa estate. «Per ogni cane che usciva dal canile perchè dato in adozione - dichiarano le volontarie - ne sono entrati tre». Con questo rapporto, gli spazi nel canile si sono subito esauriti e da novembre, occupate le 110 piazzole disponibili, non è stato più possibile ospitare altri animali. «La gente preferisce adottare cuccioli, ma nel canile arrivano animali di ogni età e dimensione». I cani abbandonati, infatti, non sono solo cuccioli, ma soprattutto quelli malati i cui padroni non vogliono sobbarcarsi spese per i veterinari. C'è poi il problema della microcippatura non gradita da alcuni proprietari; ogni cane che entra in canile viene microcippato e questo non piace ai proprietari che diventerebbero ufficialmente responsabili dell'animale. «Dado, Primula, Double, Dalì e Picasso, sono cani meticci simpaticissimi e dolcissimi oltre che in buona salute, ma che non riusciamo a dare in adozione perchè non sono cuccioli - fanno appello le volontarie - Bisogna trovare loro dei padroni e liberare posti nel canile; ma ancor di più bisogna smettere di abbandonare animali».  © RIPRODUZIONE RISERVATA