Vannini, la Cassazione: «Se fosse stato soccorso sarebbe vivo»

Venerdì 6 Marzo 2020
8
Vannini, Cassazione: «Se fosse stato soccorso sarebbe vivo»

Omicidio Vannini, dice la Cassazione: «Se fosse stato soccorso sarebbe vivo». «La morte di Marco Vannini sopraggiunse» dopo il colpo di pistola «ascrivibile soltanto ad Antonio Ciontoli» che «rimase inerte ostacolando i soccorsi», e fu «la conseguenza sia delle lesioni causate dallo sparo che della mancanza di soccorsi che, certamente, se tempestivamente attivati, avrebbero scongiurato l'effetto infausto». Lo scrive la Cassazione nelle motivazioni della decisione dello scorso 7 febbraio che ha disposto l'appello bis per Ciontoli (la cui pena è stata ridotta da 14 a 5 anni) e i suoi familiari. «Antonio Ciontoli - scrivono i giudici della prima sezione penale della Cassazione -  consapevole di avere esploso un colpo di pistola, di aver colpito con un proiettile che era rimasto all'interno del corpo della vittima, e rappresentandosi la probabilità della morte, fece di tutto per occultare le proprie responsabilità, prima rifiutandosi di chiamare i soccorsi e poi, a fronte della chiamata fatta dal figlio, rassicurando i soccorritori sul fatto che non serviva un loro intervento». 

LEGGI ANCHE --> Marco Vannini, il procuratore difende la pm: «Ciontoli condannato grazie al suo lavoro»

Vannini era nell'abitazione della famiglia Ciontoli, a Ladispoli, centro urbano sul litorale a nord di Roma, la sera del 17 maggio 2015 quando fu colpito dallo sparo della pistola di Antonio Ciontoli, il padre della sua ragazza, Marina, e rimase agonizzante per 110 minuti. In primo grado, ricorda la Cassazione nel suo verdetto, Ciontoli fu condannato a 15 anni di reclusione per omicidio perché «nonostante avesse ferito Vannini, ritardò i soccorsi e fornì agli operatori del 118 e al personale paramedico informazioni false e fuorvianti, così cagionando, ad avviso del giudice di primo grado, accettandone il rischio, il decesso, che avvenne alle ore tre del 18 maggio 2015 a causa di anemia acuta meta emorragica».

Omicidio Vannini, il giallo delle intercettazioni: le telefonate di Ciontoli mai annotate

Per concorso colposo nell'omicidio commesso da Ciontoli, in primo grado furono condannati a tre anni di reclusione ciascuno anche i suoi figli Federico e Martina, e sua moglie Maria Pezzillo, per essere stati «spettatori del progressivo peggioramento delle condizioni di salute» di Vannini «che per il dolore si lamentava ad alta voce». In appello, invece, l'omicidio fu riqualificato come «colposo» e, tra le proteste dei familiari di Vannini, per Ciontoli la pena scese a 5 anni. Rimase invariata quella per i familiari.
 

Ultimo aggiornamento: 16:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani