Vaccini Lazio, tutto esaurito all'Open Night J&J: «È bastato nome, cognome e numero di telefono per prenotarmi»

Vaccini Lazio, tutto esaurito all'Open Night J&J: «È bastato nome, cognome e numero di telefono per prenotarmi»
3 Minuti di Lettura
Domenica 4 Luglio 2021, 11:03 - Ultimo aggiornamento: 11:48

Nome, cognome e numero di telefono. Sono bastate queste tre informazioni per prenotare il vaccino all’Open Night organizzato dall’Asl Roma 1. Una soluzione rapida e veloce. Che ha convinto subito 1000 persone a vaccinarsi all'Ospedale Santo Spirito in Sassia, a due passi da Castel Sant'Angelo: nel cuore di Roma. Qui le iniezioni sono partite alle 15.00 del 3 luglio e si sono concluse alle 8 di domenica. Non è avanzato nessun vaccino. I posti a disposizione sono stati esauriti in poche ore. Anche perché Johnson&Johnson, il farmaco monodose a disposizione, consente di avere il Green pass (e quindi muoversi in tutta Europa) dopo 14 giorni dall'iniezione. Questo perché non prevede richiami, come invece accade per gli altri vaccini.

Pfizer Lazio, prenotazioni prima e seconda dose di luglio spostate: ecco cosa succede (sms in arrivo)

Open Night, il tam tam sui social

«Sono venuta a sapere dell’Open Night tramite Facebook», racconta Chiara, una ragazza di 19 anni in attesa del vaccino. L'annuncio è stato dato attraverso i canali social. E stavolta non c'era nessuna app per la prenotazione, come invece era accaduto per gli Open Day. Ma giusto un sito web dove si poteva prenotare l'appuntamento in diverse fasce orarie a distanza di un'ora l'una dall'altra. Si sono evitate così code e assembramenti. E tutto è stato gestito in massima sicurezza per una notte dedicata ai vaccini a tutti gli over 18.

Richiami, Open Day Astrazeneca nel Lazio: il calendario con tutte le nuove date 

Tanti stranieri in vacanza

Giovani, senza tetto, ma anche diverse prostitute hanno colto l'occasione per vaccinarsi. C'è però anche chi, per vacanza o per lavoro, si trovava a Roma e ha deciso di immunizzarsi. «L'80% sono stranieri – spiega Angelo Tanese, direttore generale della Asl Roma 1 –, abbiamo avuto una grande adesione. Siamo molto soddisfatti». Qui infermieri, medici e operatori sanitari lavorano senza sosta, mentre nel chiostro dell'ospedale si ascolta la musica del pianoforte, che allieta l'attesa di chi si è appena vaccinato. «In omaggio regaliamo anche una spilla con la scritta "Io mi vaccino" o un braccialetto», prosegue Tanese. Colazione con cornetto e cappuccino, invece, per chi si è immunizzato la mattina. 

 
 

Nuovo appuntamento

Ora che il sistema è stato collaudato, presto si replicherà. I posti a disposizione erano 1000, ma si è arrivati fino a 1100 iniezioni viste le numerose adesioni. Tra le persone che si sono vaccinate c'era anche una wrestler dalla nuova Guinea, l'unica donna a praticare questo sport nel suo Paese, che così avrà modo di partecipare alle Olimpiadi di Tokyo 2020. Ma anche la numero 10 della nazionale di basket femminile si è immunizzata qui. E presto anche altre persone potranno farlo, visto che a breve si replicherà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA