Vaccini Lazio, seconda dose di Moderna spostata a 35 giorni. Da quando e cosa succede

Vaccini anti Covid Lazio, spostata la seconda dose di Moderna. Da quando e cosa succede
2 Minuti di Lettura
Sabato 22 Maggio 2021, 09:25

Sarà a 35 giorni e non più a 28 l'iniezione della seconda dose del vaccino Moderna nel Lazio. Cambia dunque l'intervallo anche per il farmaco anti Covid prodotto dall'azienda statunitense con sede a Cambridge, nel Massachusetts, dopo lo spostamento del richiamo di Pfizer. Una scelta, quella dell'assessore alla Sanità Alessio D'Amato, che punta a immunizzare più persone possibili con la prima dose. Rinviando infatti la seconda si ha la possibilità di aumentare il numero di individui che possono prenotare il primo appuntamento per questo preparato.

Da quando - Saranno spostate tutte le prenotazioni dal 21 maggio in poi. Gli utenti sono già stati avvisati tramite sms. Se ciò non è accaduto, vuol dire che è confermato il primo appuntamento. Per qualsiasi chiarimento, si può chiamare il numero del centro vaccinale dove si deve ricevere la seconda iniezione oppure contattare il numero 06164161841. Si può telefonare dal lunedì al venerdì, dalle 7.30 alle 19.30, mentre il sabato dalle 7.30 fino alle 13.00.

Vaccini in azienda, nel Lazio si parte il 7 giugno. Open day per over 35 con AstraZeneca

Cosa succede - Lo spostamento del richiamo Moderna segue l'ordinanza del 5 maggio scorso del ministero della Salute, che ha recepito il parere del Comitato tecnico scientifico. Gli esperti avevano sottolineato che i richiami per i vaccini a Rna messaggero, ovvero Pfizer e Moderna, potevano slittare a 42 giorni invece che, rispettivamente, a 21 e 28 giorni. E questo per due motivi. Il primo è che lo slittamento non avrebbe influto «sull’efficacia della risposta immunitaria». Il secondo, invece, è che così si sarebbe potuto aumentare il numero di persone immunizzate. La prima somministrazione garantisce infatti in un’elevata percentuale di casi (maggiore dell’80%) una protezione efficace rispetto allo sviluppo del Covid grave.

© RIPRODUZIONE RISERVATA