CORONAVIRUS

Università Luiss, lezioni on-line per 7mila studenti da lunedì: discussione delle tesi in digitale

Venerdì 6 Marzo 2020 di Camilla Mozzetti

L'umano aumentato attraverso la tecnologia. Può sembrare un paradosso in tempi di Covid-19 ma l'emergenza del virus non frena i rapporti interpersonali: li modifica. Non blocca le attività di studio - dalle lezioni alle sedute di laurea universitarie: rimodula soltanto le procedure senza incidere sui risultati finali.

Un po' tutte le università pubbliche e privatecosì come le scuole di ogni ordine e grado, hanno in questi giorni - di stop forzato alla didattica - sviluppato programmi e sistemi per non frenare l'insegnamento e garantire il diritto allo studio, preservando quello alla salute. Soprattutto non sono stati sospesi gli esami e le discussioni delle tesi di Laurea, master e dottorati.

Coronavirus, scuole chiuse: ipotesi stop oltre il 15 marzo

L'Ateneo Luiss - Guido Carli ha risposto prontamente alla situazione: in questi primi due giorni infatti sono state garantite 500 lezioni in modalità "sincrona", ovvero in diretta attraverso l'uso di piattaforme digitali e pc con un coinvolgimento di 7mila studenti. Tecnicamente, dunque, le lezioni non sono state mai interrotte: ieri, ad esempio, 350 professori di tutte le facoltà (compresi i master e le "schools"), recandosi nell'Ateneo - rispettando tutte le prescrizioni sui limiti di distanza e adottando le precauzioni necessarie -, attraverso una specifica piattaforma, hanno svolto le proprie lezioni interagendo con gli studenti. I quali, da casa, a loro volta hanno mantenuto un contatto diretto con gli insegnanti, la classe e i compagni.

Lunedì 9 marzo, invece partirà regolarmente la prima sessione di lauree del 2020 e anche in questo caso saranno garantite tutte le discussioni (parliamo di 120 tesisti previsti fino al 13 marzo) che discuteranno il proprio lavoro con la commissione usando la tecnologia. Le commissioni di laurea si riuniranno in Ateneo (sempre rispettando prescrizioni e precauzioni) mentre il candidato verrà interrogato da remoto. 

Garantite, infine, anche le giornate di orientamento previste per la fine di marzo: laddove infatti il blocco dovesse essere prolungato, la presentazione dei corsi - soprattutto quelli per le "Summer school" - avverrà on-line con l'ulteriore particolarità che le famiglie e gli studenti di tutta Italia nno dovranno rinunciare a questo appuntamento e  potranno inoltre interagire da remoto con tutti i professori per domande, riflessioni e curiosità. 
 

Ultimo aggiornamento: 7 Marzo, 15:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA