Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, la Sapienza accoglie 25 docenti dai Paesi coinvolti nella guerra

Antonella Polimeni
2 Minuti di Lettura
Giovedì 19 Maggio 2022, 08:10

La Sapienza apre le porte a studiosi provenienti dai paesi coinvolti nel conflitto ucraino. L'ateneo romano accoglierà da giugno 25 visiting professor: 21 docenti ucraini e 4 docenti dissidenti della Federazione russa. Si tratta di 17 donne e di 8 uomini che saranno ospitati, in base alle specializzazioni, presso le Facoltà di Lettere e filosofia, Scienze Matematiche fisiche e naturali, Medicina e odontoiatria, Farmacia e medicina, Medicina e psicologia, Ingegneria civile e industriale, Ingegneria dell’informazione, informatica e statistica e Giurisprudenza.

Gli studiosi saranno ospitati grazie a uno stanziamento straordinario per un valore complessivo di 300.000 euro. L’iniziativa è stata avviata grazie a un bando deliberato dal Cda dell’Ateneo nel mese di marzo che prevedeva il finanziamento di visite per attività di ricerca e/o didattica da parte di docenti in condizione di rischio a causa di conflitti. Il fondo consentirà ai docenti di soggiornare nella capitale per un periodo di quattro mesi avvalendosi di una dotazione pro-capite pari a 12.000 euro. Con l’arrivo dei visiting professor si concretizza la politica di accoglienza e di sostegno della comunità universitaria nei confronti di studiosi provenienti dalle zone di guerra. «È un segnale importante di solidarietà e di impegno della Sapienza - afferma la rettrice Antonella Polimeni - abbiamo deliberato questa iniziativa all’indomani dello scoppio della guerra anche per rafforzare il nostro messaggio di pace, attraverso la ricerca e la conoscenza come strumento di crescita e di unione tra i popoli».

© RIPRODUZIONE RISERVATA