Torbella, bambini come vedette: «Quando c’è un agente urlano “Zio”»

Venerdì 1 Novembre 2019 di Stefania Piras
Torbella, bambini come vedette: «Quando c’è un agente urlano “Zio”»

Nel giro di 50 metri si vedono bambini di otto anni che girano in motorino, o sul quad, senza casco. Vanno avanti e indietro. L’avvertimento in codice delle piccole vedette, se vedono arrivare le forze dell’ordine è: «Zio!». Non si vede, ma c’è, invece un fiorente giro d’affari legato alla compravendita di droga di 20 mila euro al giorno. Siamo nel “Ferro di cavallo”, così si chiama questo pezzo di via dell’Archeologia nel Municipio delle Torri. Questa di Tor Bella Monaca è una delle piazze di spaccio più importanti in assoluto. È una piazza chiusa come a San Basilio con palazzi, e gruppi criminali, separati tra loro, il cui unico business è vendere droga. Usano sentinelle (i bambini prendono anche 50 euro al giorno), ostacoli mobili e fissi (come inferriate), e anche le telecamere. 

Qui ogni androne, spazio e intercapedine concorre a nascondere, stoccare e depositare droga. Dai vani ascensore ai corridoi tra uno stabile e l’altro. Anche il minisindaco di questo Municipio, Roberto Romanella, sta preparando un dossier dettagliato sulle piazze di spaccio da mandare al prefetto Gerarda Pantalone. «Quando ci sono operazioni antidroga grosse sembra che si calmino un po’ ma poi si riorganizzano, è una situazione molto difficile», ammette il presidente del Municipio che ha lavorato molto sulle riqualificazioni, per esempio dell’antica e vicina via Gabina, insieme alla Soprintendenza. 

Ma sono iniziative che durano poco. Come le cicliche operazioni di pulizia del “grottino”. Un posto conosciutissimo qui, accanto a un parco dove c’è un presidio mobile di volontari che distribuiscono materiale sterile per i tossicodipendenti. È uno spazio dove vengono a consumare droga e dove sono stati trovati spesso morti per overdose. A metà novembre ci sarà un’altra operazione di bonifica. «Il grottino è un tappeto di siringhe, ci vanno a squagliare l’eroina e si fermano a consumare», racconta Giancarlo Colella, il capogruppo M5S del Municipio che conosce bene la situazione e i rischi di questa situazione: accanto c’è una scuola. A dicembre ha organizzato un evento di street food: sarà un inedito per il quartiere.

Le zone di spaccio conclamate - oltre al noto Ferro di Cavallo dove dieci giorni fa hanno arrestato sedici persone (sistema ben oliato: 100 euro al giorno per le vedette e 200 per i pusher) - via Camassei e largo Ferruccio Mengaroni. Qui si spaccia sia sulla piazza che nel bosco, che è territorio di spacciatori e tossicodipendenti. I primi, quando arriva una grossa partita di droga accendono i fuochi d’artificio, o comunque trovano il modo di lanciare l’avvertimento, mattina o pomeriggio che sia. I secondi consumano in silenzio e in solitudine. Chi sono? Fattorini, elettricisti, idraulici. Comprano un ventino (formato inventato a Tor Bella) di cocaina o di eroina, lo sniffano o se lo iniettano sulle gambe, poi risalgono sul furgone e ripartono. Il ferro di cavallo è anche il luogo dove c’è il bar Moccia, dal cognome di un pregiudicato della zona, fratello del defunto boss di Tor Bella Monaca Vincenzo Moccia, detto Vincenzino, morto in carcere nel 2008. 

Poi ci sono via San Biagio Platani, via Scozza, via Quaglia, piazza Castano, via Santa Rita da Cascia, il parco della Pace e il “grottino”, appunto. Gli unici punti di riferimento sono i numeri civici, non c’è altro. Chi arriva sa perfettamente dove dirigersi. C’è una suddivisione legata al rifornimento e allo smercio al dettaglio ben precisa. Nel rapporto regionale sul narcotraffico Tor Bella Monaca risulta la piazza con più gruppi di controllo attivi. Il rapporto cita Gruppo Senese, Clan Casamonica, Clan Moccia, Clan Gallace, Famiglia Damiani-Fabietti, Gruppo Monterisi, Clan Eye (MafiaNigeriana), Gruppo Crescenzi, Famiglia Cordaro, Famiglia Sparapano e il Gruppo Capogna.
 

Ultimo aggiornamento: 00:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma