Tivoli, a Villa d'Este sorprese di primavera: spuntano orchidee e tulipani

Domenica 5 Aprile 2020

Sorprese di primavera a Villa d'Este che in questi giorni sta regalando fioriture inaspettate di tante specie come le orchidee selvatiche, i "lamium", gli anemoni e le primule. Rose declinate in varie colorazioni, tulipani e gliciniSe il complesso monumentale resta chiuso per le misure di sicurezza dettate dall'emergenza coronavirus, il patrimonio naturale si diverte a sfoggiare inquilini speciali tra fontane e siepi. Complici, aria buona, silenzio, quiete e le cure del personale (con le dovute cautele). 
 

 

Del resto la forza e la tenacia della natura si esprimono anche nelle piccole erbe infestanti delle pareti come la "Cymbalaria muralis", o nei colori del "Cercis siliquastrum"Villa d’Este (riconosciuta patrimonio dell'Umanità dall'Unesco)  costituisce il massimo esempio di giardino manierista, che attraverso l'articolazione unica del suo impianto ingegneristico, precorre la sensibilità barocca: vi regna una perfetta armonia, fondata su ritmo, proporzione ed equilibrio, che si dichiarano nel geometrismo e nel rigoroso controllo delle parti e del rapporto di esse con il tutto.

«Nella calma imposta dall’emergenza – racconta l’agrotecnico delle Villa Aurelio Valentini - si dà l’occasione di riflettere sul giardino, non natura incontaminata, ma luogo di un equilibrio dinamico, sempre in movimento». «Siamo un ecosistema legato a radici profonde e antiche – prosegue Andrea Bruciati, direttore della Villa – e riconosciamo nel verde, negli spazi aperti e nel giardino storico un bene necessario ed imprescindibile, volto anche al benessere psicofisico, e un valore da tutelare con maggiore attenzione in un momento in cui ne è preclusa al pubblico la bellezza».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA