Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Tivoli, rissa in piazza tra comitive: un 27enne finisce in coma. Preso a pugni, è crollato a terra sbattendo la testa

I carabinieri hanno denunciato a piede libero un 35enne. La lite per futili motivi

Tivoli, rissa in piazza tra comitive: un 27enne finisce in coma. Preso a pugni, è crollato a terra sbattendo la testa
di Fulvio Ventura
3 Minuti di Lettura
Martedì 9 Agosto 2022, 00:16 - Ultimo aggiornamento: 15:19

È ancora in coma farmacologico l’uomo ferito a Tivoli nel corso di una lite nella centralissima piazza Garibaldi. Lui, italiano di 27 anni di padre marocchino, è attualmente ricoverato al policlinico Umberto I in gravi condizioni a causa di un ematoma dovuto alla caduta in terra dopo un pugno ricevuto sul volto. Il presunto responsabile è stato già individuato dai carabinieri della compagnia di Tivoli e denunciato a piede libero. Si tratta di un altro tiburtino di 35 anni, già noto alle forze dell’ordine per piccoli reati. L’uomo al momento è accusato di lesioni personali gravissime ma la procura tiburtina sta seguendo il caso e dovrà valutare gli eventuali sviluppi. Secondo le prime ricostruzioni il diverbio tra i due, che già si conoscevano, è scoppiato per futili motivi. Le indagini escluderebbero altre cause per la violenta discussione avvenuta.

Ostia, rissa tra bagnanti nello stabilimento: grave un ragazzo ferito con un cacciavite

LA RICOSTRUZIONE

Tutto si è consumato in pochi minuti quando, venerdì scorso, erano da poco passate le tre di notte in piazza Garibaldi, abituale luogo di ritrovo di tanti tiburtini e persone che vengono dai comuni del circondario per trascorrere una serata all’aria fresca consumando una cena o un aperitivo. A quell’ora, però, la piazza era ormai quasi vuota così come i vari bar e i locali della piazza erano già chiusi. C’erano, però, le due comitive delle persone coinvolte. Al momento è ancora in corso di ricostruzione l’origine della lite e come poi sia sfociata poi nell’aggressione fisica. Dalle parole, comunque, i due sono passati alle mani proprio sotto l’Arco dei Padri Costituenti, l’opera d’arte che campeggia al centro di piazza Garibaldi opera di Arnaldo Pomodoro. L’aggressore, a un certo punto, ha tirato un pugno all’altro uomo, prendendolo in pieno. Un colpo che ha fatto barcollare la vittima e l’ha fatta cadere all’indietro. L’impatto con la testa sui sampietrini della piazza è stato fortissimo e gli ha provocato la ferita alla testa e l’ematoma. La gravità della situazione è apparsa subito chiara agli amici della vittima che, presi i telefoni, hanno prontamente chiamato i soccorsi al 112. Nel giro di pochi minuti sul posto sono intervenute un’ambulanza ed una pattuglia dell’Arma dalla vicina caserma dei carabinieri. Pochi minuti, però, che sono bastati all’aggressore per dileguarsi.

Botte e danneggiamenti a Montalto, i turisti: «Abbiamo paura di uscire la notte»

LE INDAGINI

I militari, arrivati in piazza Garibaldi, hanno trovato la vittima in terra e gli amici attoniti intorno. Subito sono cominciate le indagini. I carabinieri hanno raccolto le prime testimonianze. Sono emersi elementi utili che hanno fornito agli inquirenti le indicazioni necessarie per individuare, prima, e rintracciare, poi, il responsabile. Sono ora in corso di analisi le immagini degli impianti di video sorveglianza della zona per cercare di rintracciare altri elementi utili. La vittima, invece, è stata immediatamente trasportata all’ospedale di Tivoli, il San Giovanni Evangelista. I medici, dopo i primi accertamenti ed una prima diagnosi, l’hanno stabilizzato e trasferito, d’urgenza, al Policlinico Umberto I dove è attualmente ricoverato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA