ROMA

Alla Fiera di Roma la rassegna internazionale del tatuaggio, oltre 400 gli espositori

Venerdì 3 Maggio 2019 di di Laura Larcan
Tu chiamalo, se vuoi, cuore d’inchiostro. Indelebile ma artistico, come un’opera d’arte in versione body painting. Gli irriducibili del tatuaggio sul corpo, compresa la legione dei più curiosi, possono darsi appuntamento alla nuova edizione dell’International Tattoo Expo Roma (considerato dagli addetti ai lavori come il quinto più importante e grande al mondo), da oggi a domenica alla nuova Fiera di Roma. Il padiglione accoglierà oltre 400 tatuatori professionisti da tutto il mondo. Il bello sta tutto nel curiosare in questo labirinto di stand a tu per tu con esperti, artisti, macchinette, ultime tendenze, stili, performance. Piccolo, medio, grande, floreale, crittografico, figurativo tra mille nuance, tutto quello che c’è da scoprire sul tatuaggio, va in scena. Con un ospite speciale come Samuel dei Subsonica in un dj set dal vivo. Ci sono i maestri giapponesi che tatuano con tecnica Tebori senza mai usare la macchinetta, e gli esperti di art fusion su pelle, e quelli che creano soggetti che vestono il corpo come abiti su misura. E tante sono anche le donne del tatuaggio, grandi protagoniste della kermesse. Dall’australiana Jin O con uno stile dai toni tenui e accattivanti, alla russa Natasha “Animal”, con i suoi ritratti di animali dai contorni fiabeschi. Nella tre giorni di esibizioni, spicca anche uno spazio multifunzionale in cui si succederanno mostre, conferenze, celebrazioni e workshop. Per chi vuole saperne di più, i maestri Fabio Onorini e Michele Agostini terranno per la prima volta un seminario sulla storia del tatuaggio e sulla sua esecuzione.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Casa mia è piena di gente”. E menomale che si chiama isolamento

di Veronica Cursi