Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid Roma, tamponi per Natale: dai drive-in alle farmacie, come e dove farli e quanto costa

Tampone rapido in farmacia
di Fabio Rossi
2 Minuti di Lettura
Domenica 13 Dicembre 2020, 15:48 - Ultimo aggiornamento: 15:53

Serve un tampone rapido (ossia un test antigenico) per il Covid entro Natale? A Roma ci stanno pensando in tanti, in vista delle feste e delle possibili visite a parenti e amici (sempre tenendo debito conto delle norme anti contagio) Nella Capitale ci sono tre modalità: presentarsi a uno dei drive-in allestiti dalla Regione Lazio, effettuarlo in farmacia o in uno dei centri privati autorizzati. 

Spostamenti dal 21 dicembre al 7 gennaio: le regole per seconde case, amici e parenti

Modalità e prezzi

Per queste ultime due soluzioni non è necessaria la prescrizione medica e il prezzo è per tutti 22 euro, anche se ci sono centri che lo eseguono privatamente con costi più alti, intorno ai 50 euro. Ai drive-in, invece, si accede solo con prescrizione del medico curante - in particolare per i sospetti casi positivi e i contatti stretti - e quindi non è possibile utilizzare questa soluzione come semplice screening preventivo in vista del periodo natalizio. Le strutture autorizzate dalla Regione si possono trovare sul sito web di Salute Lazio, al link https://www.salutelazio.it/strutture-private-autorizzate-test-antigenici-rapidi mentre le farmacie che eseguono i test si consultano qui: https://www.salutelazio.it/elenco-farmacie-che-eseguono-tamponi-antigenici-rapidi-o-test-sierologici

I tamponi rapidi sono test antigenici: la modalità di prelievo è identica a quella del tampone molecolare e avviene, quindi, con un prelievo di campione biologico tramite tampone naso-faringeo. In pratica questi test servono a rilevare, nei campioni respiratori del paziente, delle proteine virali (gli antigeni). In ogni caso le diagnosi di positività devono essere confermate con un test molecolare (il tampone classico).

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA