Subiaco, gara di solidarietà dei donatori di sangue
per l'ospedale Bambino Gesù

Tuesday 28 April 2020 di Antonio Scattoni
I donatori di sangue in fila a piazza Sant'Andrea
L’emergenza Covid 19 non ferma i sublacensi, già raccolti 43 litri di sangue. Hanno risposto senza la benché minima paura i donatori locali che si sono presentati numerosi all’appuntamento del 25 aprile nei locali dell’ex convitto in piazza Sant’Andrea. A prelevare il sangue, come ormai avviene dal 1983 una equipe dell’ospedale Bambino Gesù di Roma e anche l’organizzazione dell’Associazione volontari sangue Subiaco ha rispettato il protocollo che impone l’attuale emergenza: tutti debitamente distanziati nella piazza e muniti di mascherina. L’associazione, oggi associata all’ospedale pediatrico, è nata nel 1983 e inizialmente le donazioni avvenivano in collaborazione con l’ospedale Fatebenefratelli di Roma, dal 1987 invece si è passati con il Bambino Gesù e ormai da 37 anni con ben tre appuntamenti annuali, continua l’impegno verso chi ne ha bisogno.
«Per l’appuntamento del 25 aprile – dice Fernando Ferzioli, uno dei responsabili e figlio di Gilberto Ferzioli, uno dei fondatori dell’associazione - avevamo più di qualche timore legato all’emergenza Coronavirus, la gente poteva giustamente avere paura di uscire, invece dai primi contatti via social e con mail, i donatori hanno risposto senza indugi e oltre 100 persone hanno dato la loro adesione».
Ma non potevano arrivare tutti insieme come in genere avviene in periodi normali, occorreva predisporre le distanze necessarie, ma anche i percorsi per entrare ed uscire dai locali dell’ ex convitto. «D’accordo con i responsabili del Bambino Gesù – continua Fernando Ferzioli – l’arrivo dei donatori è stato calendarizzato per appuntamento, ogni 30 minuti dovevano presentarsi 15 persone. E’ stato predisposto un itinerario per l’ingresso in sala prelievi del donatore. Dopo la donazione, c’era un altro percorso e tutti restavano a debita distanza e naturalmente tutti erano dotati della relativa mascherina».
Si è svolto tutto regolarmente, al termine della giornata di prelievi il sangue lo hanno donato 93 persone e sono stati raccolti 43 litri di sangue, per i piccoli pazienti dell’ospedale pediatrico romano. Ma con le tre donazioni annuali non finisce l’impegno dell’associazione: «Ogni mese – conclude Ferzioli – gruppi di sei persone si recano al Bambino Gesù e donano sia le piastrine che il plasma e se c’è una emergenza per un bambino che ha la talassemia, c’è sempre un nostro donatore pronto a salvare la vita al piccolo e, purtroppo, questo avviene non di rado». Ora il prossimo appuntamento per il prelievo del sangue è il 6 settembre e quello successivo l’8 dicembre. «Abbiamo un’organizzazione- conclude Fernando - collaudata e un ottimo rapporto con l’ospedale romano, ma tutto questo grazie ai donatori sublacensi che sono sempre presenti».

LEGGI ANCHE Coronavirus Roma, positivi 2 bambini del Selam Palace occupato: portati con le mamme al Bambino Gesù
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani