ROMA

Roma, Tor di Valle, dalla Procura l’ok al patteggiamento per i fedelissimi di Parnasi

Martedì 7 Maggio 2019 di Michela Allegri

Per l’affaire “Tor di Valle” arrivano i primi patteggiamenti. Ieri, durante l’udienza preliminare davanti al gup Costantino De Robbio, la procura ha ribadito la richiesta di rinvio a giudizio per l’imprenditore Luca Parnasi, per i suoi collaboratori e per i funzionari e i politici del Campidoglio coinvolti nel giro di corruzione e favori legato alla costruzione del Nuovo stadio della Roma. Ma le pm Barbara Zuin e Luigia Spinelli hanno anche dato il via libera alle richieste di patteggiamento, appunto, presentate da tre dei quindici imputati: Luca Caporilli, Giulio Mangosi e Simone Contasta, tutti ex collaboratori di Parnasi, accusati insieme a lui di associazione a delinquere. La pena concordata con la procura - e sospesa - è di due anni di reclusione. Gli ex dipendenti dell’imprenditore dovranno anche pagare le spese della presunta corruzione: somme di poche migliaia di euro commisurate alle mazzette che, per l’accusa, avrebbero intascato. Dopo le richieste della procura, ieri sono iniziate le arringhe dei difensori. La prossima udienza è fissata per il 17 maggio. Il gup, intanto, ha già accolto la costituzione di parte civile del Campidoglio e della Regione Lazio, oltre che delle associazioni Cittadinanza Attiva e Codacons.

Roma, Pallotta sullo stadio: «Ha i tempi del Colosseo, ma siamo vicini»
 
Insieme a Parnasi, a rischiare il processo ci sono anche l’ex vicepresidente del Consiglio regionale, Adriano Palozzi, l’ex assessore regionale e attuale consigliere Michele Civita, il capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale, Davide Bordoni, il soprintendente ai Beni culturali, Francesco Prosperetti. Tra gli imputati figurano pure Daniele Leoni, funzionario del Dipartimento Urbanistica del Comune, Giampaolo Gola, ex assessore del X Municipio, l’architetto Paolo Desideri e Claudio Santini, ex capo di Gabinetto al Mibact. Le accuse sono, a seconda delle posizioni, associazione a delinquere, corruzione e finanziamento illecito ai partiti. Per gli inquirenti, Parnasi era il «capo e organizzatore» dell’associazione - si legge nel capo d’imputazione - che ha cercato di pilotare in favore della sua società Eurnova le procedure amministrative legate al masterplan, approvato, nell’ambito della conferenza dei servizi, nel febbraio dello scorso anno. Per farlo, avrebbe comprato l’appoggio dei pubblici ufficiali finiti sotto inchiesta.
 
Ad agevolare l’imprenditore, c’era anche il consulente plenipotenziario del Campidoglio: l’avvocato Luca Lanzalone, ai domiciliari da giugno - mentre Parnasi era in carcere - e già sotto processo. Per lui, infatti, la Procura ha chiesto e ottenuto il giudizio immediato. Stessa sorte per il suo socio Luciano Costantini e per Fabio Serini, commissario straordinario dell’Ipa, l’ente di previdenza dei dipendenti capitolini. Lanzalone è accusato di corruzione, perché Parnasi gli avrebbe fatto ottenere incarichi in cambio di favori legati alla realizzazione dello stadio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

I lucchetti di Ponte Milvio si aprono con le chiavi di Villa Pamphili

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma