ROMA

Stadio Roma, per Daniele Frongia chiesta l'archiviazione: è l'assessore allo sport

Giovedì 17 Ottobre 2019
Stadio Roma, per Daniele Frongia chiesta l'archiviazione: è l'assessore allo sport

È stata archiviata la posizione dell'assessore allo sport del Comune di Roma Daniele Frongia nell'inchiesta sullo stadio della Roma e su quella relativa alla «bonifica dell'area di Tor di Quinto». A farlo sapere in una nota è lo stesso Frongia. I procedimenti a suo carico che, ricorda l'assessore, «hanno trovato ampio spazio nei media nazionali per settimane, si sono conclusi con l'archiviazione da parte dei competenti giudici dopo l'analoga richiesta da parte della Procura. Ringrazio per il prezioso lavoro svolto i miei avvocati Alessandro Mancori ed Emiliano Fasulo».

LEGGI ANCHE Daniele Frongia indagato per corruzione: «Favori a Parnasi per stadio Roma». L'assessore si autosospende da M5S

Daniele Frongia, assessore allo Sport del Comune di Roma, fedelissimo e mente politica della sindaca Virginia Raggi, era indagato per corruzione nell'ambito dell'inchiesta sul giro di tangenti e favori all'imprenditore Luca Parnasi per la realizzazione dello stadio della Roma a Tor Di Valle. Si tratta dello stesso procedimento da cui è scaturito il filone di indagine che aveva portato all'epoca all'arresto di Marcello De Vito, presidente dell'assemblea capitolina in quota M5S. Appresa la notizia, Frongia si era autosospeso dal Movimento 5 Stelle, dando le sue deleghe alla Raggi. 

L’iscrizione dell’assessore Frongia era scattata dopo uno degli interrogatori di Parnasi. L’imprenditore, finito in carcere a giugno 2018 per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, grazie alla collaborazione con gli inquirenti si era guadagnato prima i domiciliari e poi l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. In relazione a Frongia, Parnasi ha raccontato all’aggiunto Paolo Ielo e alle pm Barbara Zuin e Luigia Spinelli che, poco prima di essere arrestato, aveva chiesto all’assessore il nome di una persona da inserire come responsabile delle relazioni istituzionali in una delle sua società, la Ampersand. Il politico avrebbe proposto l’assunzione di una donna di circa 30 anni, una collaboratrice del Campidoglio.

Ultimo aggiornamento: 21:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma