Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lite e sangue in frutteria a Boccea, gli stacca l'orecchio con una coltellata: arrestato a Roma

La lite tra egiziani scatenata per futili motivi

Lite e sangue in frutteria a Boccea, gli stacca l'orecchio con una coltellata: arrestato a Roma
di Marco De Risi
4 Minuti di Lettura
Giovedì 3 Febbraio 2022, 07:09 - Ultimo aggiornamento: 14:53

Orrore in una frutteria di via Boccea: all'epilogo di una lite fra due egiziani uno ha staccato un orecchio all'altro usando un coltello da cucina. Un'aggressione terribile che si è verificata martedì sera nei pressi del civico 120.
È accorsa un'ambulanza del 118 che ha portato il ferito all'ospedale San Carlo di Nancy dove i medici sono riusciti a salvare solo parte dell'orecchio brutalmente reciso. Quindi la vittima ha una lesione permanente. L'aggressore è stato arrestato dai carabinieri della compagnia Trastevere.

Orecchio staccato con un coltello, orrore a Boccea

 

È stata una pattuglia dei carabinieri che stava controllando il territorio ad intervenire d'iniziativa dopo avere visto i due egiziani che si picchiavano. A finire in manette è stato un egiziano di 26 anni, mentre a rimanere gravemente ferito è stato un suo connazionale di 33 anni.

Paolo Moroni, l'ingegnere ucciso ad Amsterdam da un killer marocchino. «L'aveva sorpreso a rubare in casa»


I SOCCORSI
La violenta lite è accaduta una parte all'interno del negozio ma poi anche all'esterno, sulla strada. I militari sono arrivati in tempo per bloccare l'aggressore che stava chiudendo il negozio per poi sparire ed anche per chiamare i soccorsi per il ferito. Quest'ultimo aveva una grave emorragia, perdeva tanto sangue. L'intervento dell'ambulanza si è registrato in pochi minuti. I sanitari hanno cercato di tamponare la ferita per portare a sirene spiegate il ferito all'ospedale. Una volta al pronto soccorso l'uomo è entrato in codice rosso. Poi, è stato sottoposto ad un intervento chirurgico. Ma una parte del padiglione auricolare è rimasto lesionato.

Roma, taglia il dito alla sua ex: arrestato uno studente di medicina


Ma quale è stato il movente che ha scatenato un'aggressione così feroce? Sembra che si tratti di futili motivi. Insomma un movente molto banale, legato all'orario della chiusura della frutteria. I militari hanno ascoltato il ferito che, appunto, ha raccontato che avevano iniziato a litigare per decidere l'orario della chiusura. Erano volate parole grosse ma poi uno dei contendenti aveva impugnato un coltello da cucina ed aveva messo a segno un fendente. Un colpo che ha centrato l'orecchio della vittima.

Si butta nudo nella fontana delle Naiadi di piazza della Repubblica e tenta di ferire gli agenti


«Abbiamo discusso per la chiusura - ha raccontato il ferito in ospedale agli investigatori -. Avevamo dei pareri contrari ma mai mi sarei aspettato che mi colpisse con un coltello. Ho temuto di morire». I militari hanno effettuato un lungo sopralluogo sul luogo dell'aggressione. È intervenuta anche la Scientifica dell'Arma che ha sequestrato il coltello da cucina usato per il ferimento. All'interno del locale c'erano parecchie macchie di sangue che sono state trovate anche all'esterno. Una vicenda che ricorda quella accaduta poco tempo fa, quando sempre i carabinieri, arrestarono una turista che per gelosia diede un morso al compagno staccandogli un pezzo di lingua.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA