Spin Time Labs, via al rave “Amen”: notte illegale nel palazzo occupato

Sabato 19 Ottobre 2019 di Marco Pasqua
7

Superato, in fretta, l’imbarazzo per il nome, stanotte la discoteca abusiva di Spin Time Labs, all’Esquilino, ha ospitato il contestato rave Amen”. Lo scorso maggio, era stato cancellato per motivi di opportunità religiosa e politica per ben due volte, dopo che l’elemosiniere del Papa aveva ripristinato la corrente, nel palazzo occupato, rimuovendo, presumibilmente con dei complici, i sigilli apposti al contatore. Il party è invece andato in scena stanotte, fino all’alba. «Torna la festa più controversa della Capitale – hanno annunciato nei giorni scorsi sui social i promotori del rave – e torna sul luogo del delitto, quella casa che hanno tentato di toglierci. La stagione di Amen riparte da dove ci eravamo lasciati». 

LEGGI ANCHE:-> Spin Time, riapre la discoteca abusiva (con ingresso a pagamento) nel palazzo occupato

Inizio alle 23, appuntamento in via Statilia, dove si trova l’ingresso della costola ludica del palazzo occupato con la forza dai movimenti di lotta per la casa durante un blitz, nel 2013. Ingresso non gratuito, ma a sottoscrizione, da un minimo di tre euro. All’interno, alcolici venduti a prezzi ribassati. Nessuna pagamento alla Siae, nessuna licenza per la somministrazione di alcolici (e cibi, nel ristorante annesso), zero servizio di sicurezza e mancato rispetto delle norme relative alle uscite di emergenza: l’evento è totalmente abusivo, pur essendo indirettamente “benedetto”, visto che senza la rimozione dei sigilli da parte dell’Elemosiniere, questo non sarebbe stato possibile. Si va avanti fino alle 5 di mattina, qui non valgono le regole sulle chiusure per le discoteche “tradizionali”.

LEGGI ANCHE:-> Roma, Sabina Guzzanti gira docufilm nel palazzo occupato Spin Time: tra gli attori i leader dei fuorilegge

In realtà, la discoteca abusiva all’interno della struttura occupata all’Esquilino ha ripreso a funzionare da un mese, dalla fine di settembre. Serate con ticket di ingresso di almeno 5 euro, con centinaia di persone all’interno (la capienza supera le mille unità). A rendersi conto, per primi, della ripresa dell’attività della disco-Spin time sono stati i residenti, che hanno dovuto fare i conti con la musica sparata dal locale, ma anche con gli schiamazzi notturni di quanti, in preda ai fumi dell’alcol, arrivavano anche ad urinare davanti ai palazzi. 

I LAVORI
Durante l’estate, nella discoteca, che si trova al piano seminterrato, sono stati anche portati avanti dei lavori di ristrutturazione. In questi giorni, Sabina Guzzanti – che con Andrea Alzetta, uno dei capi di questa occupazione, è a processo per la presa di possesso del Cinema Palazzo, nell’aprile del 2011 – sta girando un documentario incentrato sulle attività (illegali) delle circa 450 persone che vivono negli alloggi ricavati all’interno dei 9 piani.
 

Ultimo aggiornamento: 00:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma