Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Spin Time Labs, «il Comune non pagherà gli arretrati». Debito da 300 mila euro per le bollette non saldate

«Spin, il Comune non pagherà gli arretrati». Debito da 300 mila euro per le bollette non saldate
di Marco Pasqua
2 Minuti di Lettura
Venerdì 10 Maggio 2019, 08:47 - Ultimo aggiornamento: 13:42

Il Campidoglio non salderà le bollette della luce arretrate dovute dagli occupanti della palazzina di Spin Time Labs, all’Esquilino. E’ quanto fanno sapere fonti capitoline, dopo che, nei giorni scorsi, la bolognese Hera aveva provveduto a staccare la corrente per morosità. Sembra che il debito accumulato dal 2013 – anno di inizio dell’occupazione dell’ex sede Inpdap, in via di Santa Croce in Gerusalemme – ammonti a oltre 300mila euro. Eppure il leader dei movimenti di lotta per la casa, Andrea Alzetta, “a capo” delle 450 persone che vivono in questo palazzo, aveva rassicurato tutti: «Abbiamo sentito il vice-sindaco: ha detto che se c’è un problema di morosità, il Comune se ne sarebbe fatto garante». Posizione che, però, non viene confermata dal Campidoglio. Non solo. Paolo Perrini, un altro dei leader degli occupanti, aveva spiegato: «Luca Bergamo ha detto che chiederà alla Cgil di intervenire nel consiglio di amministrazione della Hera». Nel palazzo, intanto, si lavora per far funzionare pub e discoteca: sarà acquistato un generatore ed è possibile che anche le serate con djset possano proseguire. Nell’attesa che qualcuno saldi il maxi-debito.
 



Roma, Esquilino, verso lo sgombero del palazzo occupato Spin Time

© RIPRODUZIONE RISERVATA