Sos Appio Latino e Porta Pia: «Qui siamo in balìa dei ladri»

Mercoledì 13 Novembre 2019 di di Laura Bogliolo

In via Appia Nuova vorrebbero le «passeggiate della sicurezza di una coppia di agenti in divisa come deterrente». Paolo Peroso, storico commerciante e presidente dell'associazione Amici di Porta Pia chiede invece più telecamere. Ieri alle 8, una mamma è stata derubata della sua borsa lasciata in auto mentre accompagnava il bimbo a scuola sull'Appia. Alle 17, invece, su via Nomentana a spaventare residenti e commercianti c'era una donna che gridava e minacciava i passanti senza un motivo. La fotografia di un'ordinaria giornata nei due quartieri è già una risposta alla domanda: «Siete favorevoli agli accorpamenti dei commissariati?». Il coro di «no!» è giustificato dopotutto dal picco di microcriminalità che attanaglia le due zone. «Ci sono state molte incursioni notturne nei negozi, serrande divelte e furti - dice Stefano Monteferri, presidente dell'associazione commercianti di via Appia Nuova - creano danni enormi per rubare qualche moneta del fondo cassa».

Monteferri vorrebbe «agenti in divisa che passeggiano davanti ai negozi, anche perché non l'avvicinarsi del Natale, ci saranno più scippi». Tra le zone più critiche c'è piazza Re di Roma, ritrovo ormai noto di sbandati. Va male anche ai residenti: due giorni fa c'è stato l'ennesimo furto in appartamento in via Todi, al civico 60, stabile già colpito a ripetizione mesi fa. Anche Monteferri, che abita in piazza Re di Roma, ha subito la «visita dei ladri per ben tre volte, ed è ovvio che siamo contrari agli accorpamenti dei commissariati, vogliamo più sicurezza, maggiori presidi». Non si sente più sicura, ad esempio, Maria, parrucchiera, che ha aperto da poco un negozio sulla strada dello shopping. «L'altra notte - dice - mi hanno aperto la saracinesca, un danno di oltre 400 euro per portare via solo sciocchezze». Stessa sorte ad altri quattro commercianti della zona, una pasticceria, un altro parrucchiere, un centro estetico e un'associazione culturale. Spostiamoci a Porta Pia. «Non vogliamo che il commissariato di zona vada via, a San Lorenzo - dice Peroso - per motivi di fedeltà, protezione e amicizia. Tempo fa proposi un sistema che trasformava noi commercianti in sentinelle, il Roma Eye 360, ma non se ne fece nulla. Noi - conclude- vogliamo almeno più telecamere, più videosorveglianza». Anche qui, sono molti i negozi colpiti da bande notturne di ladri. E c'è chi teme per i propri dipendenti. «Sono preoccupato per le due ragazze che lavorano nella mia pizzeria - dice Fernando Liardi - qui sulla Nomentana è pieno di senzatetto e sbandati: i sottopassaggi di corso Italia sono i loro rifugi».
 

Ultimo aggiornamento: 10:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’asse Ficcardi–Cacciatore, la coppia che punta l’indice

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma