Scuola Roma, prof e studenti in isolamento: nei licei saltano le verifiche

Ridotti compiti in classe e interrogazioni: «Impossibile fare le valutazioni a metà anno». Dal Mamiani all’Orazio scritti e orali sono stati accorpati. Problemi nei professionali

Scuola Roma, prof e studenti in isolamento: nei licei saltano le verifiche
di Camilla Mozzetti
4 Minuti di Lettura
Lunedì 31 Gennaio 2022, 22:34

La storia che si ripete a causa dei contagi e delle quarantene nelle scuole: prof e studenti a casa, perché positivi al Covid o in isolamento, hanno imposto a due scuole su tre di rivedere il piano delle verifiche di metà anno. I compiti in classe e le interrogazioni in sostanza che servono per valutare l’andamento di uno studente nei primi mesi dell’anno e far dire ai professori tra la fine di gennaio e la prima metà di febbraio quel ragazzo o quella ragazza hanno delle lacune in Greco o in Fisica che devono recuperare entro giugno, per non rischiare di essere rimandati o bocciati. 

Ma il virus, si è visto con la ripresa delle lezioni, dopo le vacanze di Natale ha fatto schizzare la curva dei contagi e, gioco forza, le verifiche stesse sono state annullate, ridotte, compresse. 

Vaccino, booster nel Lazio solo con Moderna. Pfizer solo per giovani e No vax

I casi

«Nella nostra scuola - spiega Maria Grazia Lancellotti, preside del liceo Orazio - abbiamo optato per una valutazione mista scritto e orale, basta che ce ne sia una perché allo stato corrente non si può pretendere tre compiti scritti». A titolo esemplificativo per Latino o Greco di prassi nella prima parte dell’anno servirebbero almeno tre versioni da tradurre in altrettanti compiti in classe e almeno due interrogazioni ma i contagi, gli isolamenti, le quarantene hanno fatto saltare il sistema. «Anche per adesso non si adotta il criterio del rigore - conclude la Lancellotti - c’è una grande flessibilità che rispecchia la condizione corrente: alcune classi non sono state toccate altre invece si e con le quarantene organizzare i compiti in classe è complicato». Al liceo Mamiani all’inizio dell’anno scolastico si è deciso di ridurre il numero delle verifiche: da tre compiti in classe a due, «con un voto unico - spiega la preside Tiziana Sallusti - tra scritto e orale e questa scelta è stata fatta proprio perché eravamo consapevoli che sarebbe stato un anno complesso. Se un professore è assente perché positivo non si può sostituire o, almeno non si riesce a farlo, perché si tratta di un’assenza di pochi giorni ma questo innegabilmente porta a frenare la didattica e a cancellare le verifiche». Al Righi, sempre a settembre, si è deciso di chiudere con il piano delle verifiche prima di Natale, adottando il trimestre invece del quadrimestre ma è chiaro «che i compiti in classe e le interrogazioni - spiega la preside Cinzia Giacomobono - sono state ridotte». 

Ritardi sulla didattica

Compiti in classe, interrogazioni che di fatto sono saltate o che non possono bastare a valutare nel modo corretto, come accadeva prima del Covid, la preparazione degli studenti. Con riverberi peggiori sugli istituti secondari tecnico-professionali. Qui al fianco delle verifiche abitudinarie ci sono anche quelle pratiche. Le attività di laboratorio che pesano sul curriculum e che devono essere valutate tanto negli istituti che si occupano di meccanica quanto negli alberghieri. A questo si aggiunge un ritardo sulla didattica partito già lo scorso anno, sempre a causa di positivi e quarantene, su cui si scagliano proprio gli studenti apprendendo che il prossimo esame di Maturità riporta in auge le prove scritte. «Al netto della questione delle verifiche di fine quadrimestre - commenta Michele Sicca, a capo della Rete studente Medi - il nodo cruciale è: cosa si verifica? Dall’anno scorso paghiamo un ritardo sulla didattica che non vorremmo passasse inosservato di fronte al nuovo esame di Maturità». Proprio gli studenti sono ora pronti a scendere nuovamente in piazza venerdì. E intanto calano drasticamente i nuovi contagi: ieri nel Lazio sono stati contati 6.615 positivi, quasi 5 mila in meno sul giorno precedente. Un ottimo segnale che dimostra come la curva sia in discesa. Diminuiscono anche i ricoveri: tra ordinari e terapie intensive il saldo è di 2.351 pazienti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA