Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Inno della Roma a scuola, sul muro compare «Viva la maestra!». Poi la scritta viene cancellata

L'istituto: "Non ne sappiamo nulla". Rimosse altre scritte contro "il romanismo"

Inno della Roma a scuola, sul muro compare «Viva la maestra!». Poi la scritta viene cancellata
3 Minuti di Lettura
Martedì 31 Maggio 2022, 11:12 - Ultimo aggiornamento: 11:33

“Viva la maestra. Asr”. Una scritta, semplice. Comparsa sul muro di cinta della scuola Caterina Usai, a Talenti. L'istituto è al centro delle polemiche per l'inno della Roma fatto cantare ai bambini della materna stessa, dopo la vittoria della squadra di Mourinho in Conference League. La scritta però, è stata cancellata. Una vernice bianca è stata usata per coprirla. «Noi non siamo neanche usciti a vederla», il commento della scuola interpellata da Il Messaggero.

Ma sarebbero comparse altre scritte, sempre sul muro dell'istituto: "Fuori il romanismo dalle scuole", "Daniela frustrata", "Roma m...". Anche queste subito rimosse.

La scritta ha fatto comunque il giro del web nel giro di poche ore. «La Roma SI La Lazio NO OOOH OOOH», scrive 
“ScomunicatoeVincente” su Twitter. Probabile che la scritta sia stata cancellata dalla scuola stessa - anche se nega - per evitare di gettare ulteriore benzina sul fuoco delle polemiche. O magari da qualche tifoso della Lazio di zona, forse rimasto offeso.

Inno della Roma a scuola, la Lazio invia alla classe il fumetto sulla storia biancoceleste

Inno della Roma in classe. La maestra: «Era uno scherzo. Metterò anche quello della Lazio per par condicio»

O che la maestra abbia incaricato qualcuno di coprirla. Fatto sta che, dopo il video e i fumetti spediti alla scuola dalla Lazio, il punto sulla storia non è ancora stato messo.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA