Roma, il giallo di ossa e reperti antichi buttati al cassonetto, spuntano altre 5 cassette. S'indaga sul furto

Mercoledì 2 Dicembre 2020 di Laura Larcan
Carabinieri scoprono cassette piene di reperti in via Arnaldo Canepa

S’infittisce il mistero dei reperti antichi e delle ossa millenarie gettati per strada accanto ai cassonetti in zona Boccea Torrevecchia. Già perché all'indomani della scoperta degli strani rifiuti buttati in via Decio Azzolino (la bellezza di una decina di cassette ricolme di ossa, ceramiche, frammenti di vasi, pilastrini e colonne di marmo, i carabinieri del Comando provinciale hanno rinvenuto in via Arnaldo Canepa, sempre per strada accanto a cassonetti, altre cinque cassette, della stessa tipologia (contenitori tipici usati dagli archeologi per catalogare i repertio di uno scavo), piene di reperti antichi.

Roma, a Boccea ossa e reperti antichi: un giallo tra i cassonetti

Scoperti a Roma centinaia di denti umani lasciati in strada a Montesacro

Le indagini dei carabinieri a questo punto stanno andando avanti a setacciare la zona. L’ipotesi che prende sempre più corpo è il furto. I ladri, dopo l'attenzione mnediatica suscitata dalla scoperta dei carabinieri, se ne sono evidentementre liberati di corsa. In origine, le cassette con i reperti potrebbero essere state sottratte dai cantieri di scavo. I ladri potrebbero aver tentato di rivenderseli, ma non riuscendoci se li sono tenuti. Forse, ora che le pene per i reati archeologici sono più severe, la paura ha preso il sopravvento. E li hanno buttati. Al cassonetto.

Passaggio chiave in queste ore è il confronto con la Soprintendenza statale di Roma. Gli archeologi stanno visionando il materiale recuperato dai militari riconoscendoli tutti come reperti provenienti da scavi risalenti al 2004, condotti in zona Pineta Sacchetti per l’allargamento della strada. All’epoca erano riemerse alcune sepolture antiche, e un sistema di antiche tubature. «Le cassette contengono resti edilizi e di altro tipo non di grande pregio e in cattive condizioni», spiegano dalla Soprintendenza. «Ma comunque è materiale antico». E certo non dovrebbe essere buttato al cassonetto come fosse un matrasso o un frigorifero. 

In queste ore le indagini puntano a ricostruire «l’origine di questo atto vandalico». I militari stanno verificando se le telecamere di videosorveglianza della zona hanno immortalato movimenti sospetti intorno ai nuovi cassonetti. Quello che emerge in queste ore è che i reperti sono stati gettati non lontano dalla strada dello scavo originario (quindi, sarebbero rimasti per 16 anni in questa zona). 

© RIPRODUZIONE RISERVATA