Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sciopero taxi, secondo giorno di proteste: fanno servizio solo i mezzi per disabili e verso gli ospedali

A via Marsala, invece, la zona di arrivo e partenza degli autisti di Uber, che hanno continuato a lavorare senza alcuna difficoltà

Passeggeri alla Stazione Termini che hanno tentato di prendere un taxi
di Giampiero Valenza
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 6 Luglio 2022, 15:25 - Ultimo aggiornamento: 7 Luglio, 09:47

Passeggeri smarriti alla Stazione Termini nel secondo giorno di sciopero dei tassisti. Le auto bianche non circolano in zona neanche oggi (dopo la protesta che ha visto un migliaio di persone scendere in strada) tranne per un'eccezione tollerata dalla categoria: chi fa servizio verso gli ospedali o per disabili. In questi casi i tassisti hanno ben visibile il simbolo dei portatori di handicap. 

Governo, Salvini medita lo strappo: «Così è inutile proseguire». Rabbia per l'apertura di Draghi al M5S

 

Sciopero taxi, le possibili soluzioni

A via Marsala, invece, la zona di arrivo e partenza degli autisti di Uber, che hanno continuato a lavorare senza alcuna difficoltà. “La soluzione con il governo la possiamo trovare – spiega Francesco Menegat, segretario regionale Lazio del sindacato Fast Confsal – L'importante è la buona volontà politica a regolamentare una concorrenza leale tra le parti, le piattaforme digitali e i tassisti 'tradizionali'. Chiediamo a gran voce lo stralcio dell'articolo 10 del decreto concorrenza: il provvedimento va scritto daccapo non con una legge delega, come vuole il governo, ma con una legge ordinaria”.

Sciopero Taxi di 48 ore. Corteo a Roma contro il Ddl Concorrenza: «La licenza non si tocca»

© RIPRODUZIONE RISERVATA