Santa Marinella, alla mensa scolastica debuttano pizza e amatriciana

Sabato 27 Febbraio 2021 di Monica Martini
Santa Marinella, alla mensa scolastica debuttano pizza e amatriciana

Fanno il loro debutto, nel nuovo menu settimanale, trancio di pizza margherita, pasta all’amatriciana, petto di pollo panato, anche se non mancheranno pietanze salutari con verdure di stagione pesce e frutta fresca. Da lunedì, nelle mense scolastiche di Santa Marinella saranno serviti i nuovi pasti, sempre rispettosi delle tabelle dietetiche e nutrizionali, ma con piatti di sicuro più amati dai ragazzi. E’ il risultato ottenuto dalla commissione mensa, presieduta dall’assessore alla pubblica istruzione Stefania Nardangeli, che si era attivata dopo aver ricevuto lamentele da parte delle famiglie che raccontavano di bambini scontenti che si rifiutavano di mangiare alcune pietanze. Al termine di una riunione alla quale avevano partecipato i rappresentanti dei genitori, il referente della Asl, l’assessore Nardangeli e un rappresentante della ditta appaltatrice del servizio di refezione scolastica, erano infatti emerse delle problematiche, riportate dalle famiglie e dagli stessi insegnanti. I componenti della commissione si sono subito attivati, avviando verifiche, pranzando e assaggiando i piatti serviti ai bambini in tutte le mense delle scuole cittadine, concentrandosi maggiormente sulle ricette meno gradite dall’utenza. «Dopo un’attenta analisi - conferma l’assessore Nardangeli - sulle modifiche da apportare al menù, in base al monitoraggio del gradimento, dei tempi necessari alla somministrazione e sanificazione tra un pasto e l’altro, siano giunti alla stesura del nuovo menu, che è stato opportunamente, revisionato rispetto a quello dell’inizio dell’anno scolastico. Principalmente, sono state garantite le linee guida nutrizionali della ristorazione scolastica, ma per conciliare le esigenze di gradimento. con le misure di sicurezza dovute all’emergenza Covid, sono state introdotte delle modifiche per rendere il pasto più consono al gusto dei bambini». Il tutto con l’approvazione finale della Asl. Infine, per servire cibi sempre caldi, la ditta Bio Ristoro ha dotato il Plesso Pirgus di uno scaldavivande elettrico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA