Rubavano carburante dagli oleodotti dell'aeroporto di Fiumicino: 17 arresti

Giovedì 11 Aprile 2019
Avevano mezzi e strutture per portare a termine ogni colpo nella maniera perfetta: rubavano carburante dall'oleodotto che forniva l'aeroporto di Fiumicino. Fino a questa mattina: 150 carabinieri partecipano alla maxi operazione per sgominare la banda dei ladri di carburante. I carabinieri della compagnia di Ostia stanno eseguendo l'arresto di 17 persone, destinatarie di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del locale Tribunale, perché ritenute responsabili di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti pluriaggravati di carburante in danno di oleodotti che forniscono l'aeroporto di Roma Fiumicino, nonché di incendio aggravato su materie combustibili, possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi e trasporto di persone prive di titolo di soggiorno al fine di procurarne l'ingresso illegale nel territorio dello Stato.

L'operazione è scattata al termine di un'accurata attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma, Gruppo reati gravi contro il patrimonio e gli stupefacenti, diretto dal procuratore aggiunto Lucia Lotti. La vasta operazione, che vede impiegati più di 150 Carabinieri, è iniziata all'alba e interessa le città di Roma e Provincia, Napoli, Trieste e Cagliari, dove si stanno rintracciando tutti gli appartenenti all'organizzazione criminale.
I componenti della banda sono ritenuti responsabili anche dell'esplosione e del conseguente incendio del pozzetto di ispezione della rete Eni, avvenuto la notte del primo dicembre dello scorso anno, a Maccarese, che richiese l'intervento di svariate squadre dei Vigili del Fuoco e che ha provocò la chiusura per alcune ore del traffico della limitrofa autostrada Roma - Civitavecchia, oltre all'ingente danno economico di bonifica per la società proprietaria della conduttura. Nel corso di un tentativo di furto, la banda provocò una fuoriuscita di carburante da cui scaturì il tutto.

A capo dell'associazione per delinquere, i Carabinieri hanno individuato un italiano 42enne, imprenditore della provincia di Roma, che attraverso la sua fitta rete di conoscenze nell'ambiente della commercializzazione degli idrocarburi, si occupava di smerciare «in nero» il carburante rubato, oltre a fornire tutto il sostegno logistico necessario agli altri membri dell'associazione: dal deposito per la temporanea custodia del carburante rubato, all'individuazione delle strutture alloggiative ed al noleggio dei mezzi impiegati per le incursioni.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Autobus a Roma, le trovate degli utenti per sopravvivere ai disagi

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma