Roma, scatta la Ztl, altri varchi nel Tridente: da lunedì stop alle moto

Roma, scatta la Ztl, altri varchi nel Tridente: da lunedì stop alle moto
di Fabio Rossi
3 Minuti di Lettura
Giovedì 9 Maggio 2019, 08:19

Riaperta la fermata della metropolitana di piazza di Spagna, chiude la Ztl del Tridente. Dopo i rinvii delle scorse settimane, dovuti proprio alla situazione di paralisi del trasporto pubblico nel centro storico - con tre stazioni della linea A interdette ai passeggeri - lunedì si accenderanno i varchi elettronici della zona a traffico limitato A1, quella che delimita il cuore turistico della Città eterna. Ma le telecamere non entreranno subito a pieno regime: per almeno 30 giorni ci sarà la fase di pre-esercizio (una sorta di collaudo), durante la quale gli accessi all'area interdetta saranno presidiati dalla polizia locale.

L'ORGANIZZAZIONE
Ieri l'ultima riunione operativa per definire i turni dei vigili urbani ai varchi, mentre il personale dell'Agenzia della mobilità distribuirà materiale informativo ai cittadini. In questo lasso di tempo il Campidoglio punta a impedire gli accessi irregolari e, nel frattempo, a dare il tempo ai cittadini di abituarsi e metabolizzare le nuove regole. Anche per evitare episodi analoghi a quelli accaduti in via di Portonaccio, quando la reintroduzione della corsia preferenziale, protetta da telecamera, ha portato a una valanga di contravvenzioni ai danni di automobilisti non informati delle novità, con annessi ricorsi per la segnaletica non adeguata.

LE NORME
I sei nuovi varchi sono stati installati in via di Ripetta (incrocio con via dell'Oca), via dei Pontefici (piazza Augusto Imperatore), via Condotti (incrocio con largo Goldoni), via di Propaganda (incrocio con via Capo le case), via di San Sebastianello (incrocio con viale della Trinità dei Monti) e via del Gambero (incrocio con via delle Convertite). Il Tridente sarà off-limits per i non autorizzati dalle 6,30 alle 19 da lunedì a venerdì e dalle 10 alle 19 il sabato, esclusi i giorni festivi.

STOP ALLE DUE RUOTE
La novità assoluta, rispetto alle altre zone a traffico limitato della Capitale, è che i dispositivi elettronici sanzioneranno anche moto e ciclomotori dei non residenti, che resteranno quindi definitivamente fuori dalla Ztl A1. Il ministero delle Infrastrutture ha infatti autorizzato l'utilizzo della nuova tecnologia installata, che permette di rilevare e sanzionare anche i motoveicoli e ciclomotori non autorizzati. In realtà le limitazioni in questa zona sono in vigore già dal 2015, quando furono introdotte dall'amministrazione di Ignazio Marino. Ma, in mancanza di telecamere attive, fino a ora sono state di fatto disapplicate. Con gli occhi elettronici la musica inevitabilmente cambierà.

I PERMESSI
Negli orari di chiusura potranno sostare all'interno dell'area esclusivamente i titolari di contrassegno in cui sia espressamente indicata la possibilità di sosta su strada.
Possono chiedere il permesso di accesso i veicoli di residenti e domiciliati nella Ztl A1, lavoratori notturni o artigiani con sede all'interno della zona e altre categorie consultabili sul sito dell'Agenzia della mobilità. I residenti hanno a disposizione 280 posti riservati tra via di Ripetta, passeggiata di Ripetta, lungotevere in Augusta, viale della Trinità dei Monti, piazza della Trinità dei Monti, via Gregoriana, viale Gabriele D'Annunzio e piazza Augusto Imperatore.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA