Roma, sui tram si viaggia a 10 all'ora: manutenzioni saltate dell'Atac

Roma, sui tram si viaggia a 10 all'ora: manutenzioni saltate dell'Atac
di Francesco Pacifico
4 Minuti di Lettura
Martedì 24 Agosto 2021, 00:18

Il futuro sono quattro nuove tramvie che taglieranno la città da Nord a Sud e da Est a Ovest. Il presente invece è caratterizzato da tram lumaca che a Roma vanno anche a 5 chilometri all’ora perché non state fatte le manutenzioni ordinarie. Se si marcia più veloci, si rischia il deragliamento. Ne sanno qualcosa in questi giorni i passeggeri dell’8, un tempo chiamato l’Ottovolante per i tempi di percorrenza tra il Casaletto e piazza Venezia, dopo che Atac ha annunciato ai tramvieri di rallentare dove la rete è più colabrodo. Sì, perché anche sulle altre cinque linee cittadine ci si muove con il freno tirato tra binari arrugginiti o piegati, manti stradali crepati e tracciati con troppe curve o troppo stretti per i convogli di ultima generazione. E che nessuno sistema. Risultato? Nella Capitale, con i veicoli che vanno così piano, si possono aspettare anche 30-35 minuti tra una corsa e un’altra, mentre la maggior parte dei mezzi resta ferma in deposito per i guasti e per i ritardi nella manutenzione.

Roma, sassi contro i conducenti: «Non vogliono più guidare»

UN TERZO IN ATTIVITÀ
Il servizio tramviario a Roma fa acqua da tutte le parti. Nella mattinata di ieri, per esempio, dal deposito di Porta Maggiore sono usciti 28 vetture totali su un parco mezzi di 70 unità. E cosa ancora più indicativa, a circolare c’erano 20 Stanga, veicoli del 1947/48, e 8 Socimi, prodotte negli anni Novanta. Spiega Roberto Ricci, segretario mobilità della Fit Cisl del Lazio: «Il problema è legato a una scarsa programmazione delle manutenzioni: ma se il Comune non fa niente sui binari, Atac non si preoccupa dei mezzi. Le istituzioni dovrebbero sedersi intorno a un tavolo, perché i tracciati sono stati disegnati dopo la guerra per vetture di 20 metri, mentre oggi circolano tram di 33 metri. Con il risultato che l’asfalto crepato da un lato e il mancato accoppiamento tra ruota e binario finisce soltanto per rompere i carrelli e i pianali. Se non bastasse, all’officina di via Prenestina il carro ponte, per le manutenzioni, è rotto da anno. E già prima sembrava la catena fordista dei film di Charlie Chaplin». Aggiunge dalla Cgil Davide Cartacci: «Ormai la situazione è talmente allo stremo che quando va bene, Roma, con una rete di 36 chilometri, può contare soltanto su cinquanta tram».
Come detto, l’ultima linea rallentata è l’8 con i suoi Cityway troppi pesanti e lunghi per binari in disfacimento.

Roma, tre autobus Atac a fuoco nel deposito di Grottarossa

Stando a una nota di Atac del 19 agosto, i conducenti devono andare a 10 chilometri all’ora sulla Circonvallazione Gianicolense, tra le fermate Ravizza e San Camillo oppure nel tratto piazza Belli e via Arenula; addirittura a 5 chilometri orari in viale Trastevere all’altezza di Via Pascarella o, per «un complesso di curve, incroci di rotaia e scambi dell’intersezione», all’altezza di via Induno. Ma più in generale è meglio non superare i 25 chilometri orari. Non va meglio sulle altre linee. Quella del 2, da piazzale Flaminio a piazza Mancini, è stato sospesa e sostituita da una navetta. E soltanto nell’autunno del 2022 lo rivedremo in circolazione. Il 3, dalla stazione di Trastevere a Valle Giulia, viaggia a 10 chilometri orari in tutto il tragitto davanti a villa Borghese e a viale Regina Margherita, cala a 5 chilometri verso la curva tra via Tiburtina e via Reti. Sugli stessi tratti identica sorte per il 19, da piazza Risorgimento fino a Centocelle e che circola con macchine più vecchie. Il 5, da Termini a Gerani, e il 14, da piazza di Porta Maggiore alla Togliatti, diventano una lumaca all’Esquilino e in alcuni punti della Prenestina. 

Roma-Lido, treni fermi e saltano otto fermate: in strada mezzi sostitutivi

Il Campidoglio ha annunciato di aver chiesto finanziamenti per comprare quasi cento tram. Ma da Atac spiegano che al di là dei mezzi, ci sono troppi problemi su binari, asfalto e linee aeree dei cavi elettrici dove si collegano i pantografi. Cioè la rete che è del Comune (l’unica che può metterci le mani) e che per rimetterla a nuovo costerebbe oltre 300 milioni di euro. Soldi che la municipalizzata non ha.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA