Roma, ancora uno stop per i tram. Da lunedì i lavori sull'8: navette a rischio caos

Almeno 3 settimane di chiusura per rifare la pavimentazione della corsia protetta: timori in vista della riapertura delle scuole

Roma, ancora uno stop per i tram. Da lunedì i lavori sull'8: navette a rischio caos
di Fabio Rossi
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 5 Gennaio 2022, 00:06 - Ultimo aggiornamento: 6 Gennaio, 12:47

Stop al tram 8, almeno per tre settimane, da lunedì prossimo. Proprio nel giorno in cui (a meno di sorprese) riapriranno le scuole, il trasporto pubblico della Capitale perde un altro pezzo importante: ancora una volta a causa di lavori di manutenzione straordinaria troppe volte rimandati, negli ultimi anni, e ormai diventati improcrastinabili. I cantieri riguarderanno la pavimentazione delle corsie tranviarie di viale Trastevere e della circonvallazione Gianicolense, a cui si aggiunge il rifacimento dell’anello del capolinea, a Casaletto. La linea sarà sostituita in tutto il periodo di chiusura - fino al 28 gennaio, salvo complicazioni - da bus navetta (contrassegnati 8 Nav) che effettueranno il percorso al di fuori delle corsie riservate.

Roma, oltre 600 autisti Atac in isolamento: corse autobus a rischio

IL PIANO
I mezzi sostitutivi, che arriveranno dal deposito di Tor Sapienza, dovranno sobbarcarsi il carico di passeggeri abitualmente assicurato dal tram 8, peraltro in un periodo di ripresa delle attività (in primis quelle educative e scolastiche) dopo le festività di fine anno: possibili disagi per gli utenti, con i bus H che saranno prevedibilmente presi d’assalto. Già in autunno la linea era stata sospesa per una settimana, nelle ore serali, per i primi interventi di manutenzione. Ma ora servirà qualcosa di più, affinché il tram 8 torni a essere quello per cui era stato ideato: una sorta di metropolitana leggera di superficie al servizio di un quadrante particolarmente importante della Città eterna.

LA SITUAZIONE
Intanto, sul resto della rete cittadina, la linea 3 continua a viaggiare su tram tra Valle Giulia e Porta Maggiore (3L) ed è sostituita da bus nel resto della tratta, fino alla stazione Trastevere (3Nav), a causa della carenza di vetture disponibili per circolare sulle rotaie. Un problema - tra guasti, età media alta e manutenzione carente - che limita il servizio dei tram, sul quale il Campidoglio punta molto. Con ripercussioni negative anche sulle linee regolarmente attive: come la 2, da piazzale Flaminio a piazza Mancini, riaperta lo scorso 18 settembre, dopo quasi un anno di stop.

 

I FONDI
In attesa di avviare i lavori per le nuove linee da realizzare, nei prossimi mesi l’amministrazione comunale metterà in campo una serie di interventi straordinari sulla rete, grazie a un finanziamento di 3,4 milioni di euro concesso da Cassa depositi e prestiti, destinati alla sostituzione di alcune tratte di binari. Tra questi, anche dei segmenti della linea 8: 680 metri in entrambi i sensi da via Arenula a piazza Sydney Sonnino (passando per ponte Garibaldi), e oltre un chilometro su viale Trastevere, all’altezza di via Cesare Pascarella e via Ippolito Nievo. Saranno sostituiti anche 200 metri di binari in piazza Risorgimento, dall’uscita del capolinea fino a via Ottaviano, e altri 120 metri tra via Carlo Felice e via Emanuele Filiberto, in direzione Piramide.

LA STRADA
Sono partiti negli scorsi giorni, intanto, i lavori di ripristino della pavimentazione stradale della via del Mare, a Ostia, che si protrarranno fino al 18 gennaio. Obiettivo: sistemare circa quattro chilometri di strada dal semaforo di Ostia Antica fino all’altezza di Cineland, dove il X Municipio e il Campidoglio hanno previsto il senso unico alternato e il limite di velocità a trenta orari, mentre in un breve tragitto di poco più di un chilometro e mezzo è stato stabilito il divieto di transito durante i lavori. I cantieri sono attivi dalle 9,30 alle 16 e creano qualche rallentamento soprattutto nel pomeriggio, al rientro dagli uffici.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA