ROMA

Non pagano la corsa e picchiano un tassista con una mazza da baseball

Martedì 20 Agosto 2019 di Marco De Risi

Un tassista della cooperativa Samarcanda è stato malmenato a Giardinetti nella periferia est da quattro clienti che si sono rifiutati di pagare la corsa dopo aver usufruito del servizio. Il conducente è stato sopraffatto e uno dei malviventi, per tutta risposta alle sue rimostranze, ha iniziato a colpire l'autovettura con una mazza da baseball danneggiando le fiancate e fracassando il lunotto posteriore. L'uomo per fortuna non ha riportato ferite, ma ovviamente l'episodio poteva costargli molto caro. In passato diversi guidatori delle auto bianche sono stati ridotti in pericolo di vita da passeggeri che non avevano voluto versare l'importo indicato dal tassametro.

LEGGI ANCHE Roma, paura a Piazza Navona: turisti ubriachi picchiano tassista

«La corsa era iniziata all'Acqua Felix di Civitavecchia - ha raccontato il malcapitato tassinaro - Dopo una chiamata, avevamo concordato il prezzo. Arrivati a Roma, a Giardinetti, mi sono girato verso i passeggeri per l'incasso, quelli hanno detto che non avrebbero pagato proprio niente. È nata una discussione. Sono sceso dalla macchina per cercare di trattenere i clienti che volevano andare via. A quel punto hanno iniziato a spintonarmi e uno dei quattro ha tirato fuori la mazza. Sono immediatamente rientrato nella macchina, ho ingranato la prima e sono stato costretto a fuggire».

L'episodio ha immediatamente suscitato la reazione dei sindacati di categoria. «Si è consumato l'ennesimo atto di violenza, a danno di un operatore del servizio pubblico da piazza dei taxi»: è quanto dichiarano in una nota le segreterie romane del comparto taxi di Fit Cisl Lazio, Uil Trasporti Lazio, Ugl Taxi, Federtaxi Cisal, Ati taxi ed Associazione Tutela Legale Taxi.

I sindacati dei taxi: «Un tassista della cooperativa Samarcanda, dopo aver ricevuto una chiamata tramite il radiotaxi, è stato aggredito da più persone, che hanno rifiutato di pagare la corsa, danneggiandogli anche la vettura con una mazza da baseball. Nell'indifferenza delle diverse amministrazioni comunali, da troppo tempo si ripetono episodi di violenza a danno dei tassisti romani, lasciati puntualmente soli.

«Roma dimostra ancora una volta - concludono i sindacati - di essere una città violenta e insicura: ci domandiamo se prima o poi il Comune adotterà gli idonei strumenti di controllo e prevenzione, sfruttando tutte le attuali tecnologie, per tutelare chi tra mille difficoltà offre un servizio pubblico alla città». Il conducente del taxi ha presentato una denuncia ai carabinieri. Gli uomini dell'Arma sono al lavoro per rintracciare gli autori dell'aggressione. La chiamata al taxi era partita da un cellulare e la telefonata è stata registrata. I quattro violenti potrebbero avere le ore contate.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Livercool vs A.C. Tua, quando il Fantacalcio imbarazza il nonno

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma